Usa, afroamericano muore soffocato da un poliziotto

«Lasciatemi, non riesco a respirare....». Sono le ultime drammatiche parole di George Floyd, un afroamericano ucciso da un agente di polizia che ha soffocato l'uomo bloccandolo a terra e premendogli il collo con un ginocchio. Un episodio che ricorda un altro caso simile e tristemente noto, quello del newyorchese Eric Garner nel 2014.Questa volta teatro della tragedia è Minneapolis, in Minnesota, e l'intera sequenza è stata filmata da una passante in un video shock che adesso scuote gli Usa.

Video

Una voragine nell’asfalto inghiotte l’autocisterna a Roma

Traffico in tilt, giovedì mattina, a Roma, lungo viale dei Colli Portuensi. Tutta colpa di una grossa voragine che si è aperta nell’asfalto e che ha inghiottito una autocisterna di una ditta di servizi di spurgo. Nella buca è in parte finita anche una autovettura parcheggiata a lato della strada. I vigili del fuoco hanno lavorato a lungo, utilizzando delle gru, per recuperare il mezzo

Rissa in piazza Dante proprio sotto il palazzo della Regione

Rissa in strada, con un uomo finito a terra, ieri pomeriggio in piazza Dante, proprio sotto il palazzo della Regione. Due uomini si sono picchiati di santa ragione, per ragioni non note, finché uno non è finito a terra. Il centrodestra, ricordiamo, ha bocciato nelle scorse settimane una mozione del consigliere provinciale di Onda Civica Filippo Degasperi (Onda Civica, nella foto) che proponeva una serie di soluzioni contro il degrado di piazza Dante a Trento.

Il pastore ha soppiantato il cane con un drone: la pecora non è d’accordo

La tecnologia ha da sempre cambiato la nostra vita e il nostro modo di lavorare, ma non tutti sono sempre d’accordo. Un gregge di pecore, per esempio, può dimostrarsi un osso duro, in fatto di cambiamenti tecnologici. Ne sa qualcosa un allevatore gallese, entusiasta dei suo drone, con cui ha sostituito il cane da pastore nella gestione del gregge. Ma forse il vecchio cane non si sarebbe fatto mettere fuori combattimento come questo attrezzo volante

Attraversano il lago ghiacciato con un camion: ecco come va a finire

Nella sfortuna, possono dire che in fondo è andata bene. Stiamo parlando dei due uomini che, alla guida di un pesante camion, hanno attraversato il lago Baikal, in Siberia, sfruttandone la superficie ghiacciata. Il ghiaccio ha però ceduto sotto il peso del camion, che lentamente si è inabissato. Il conducente e il suo accompagnatore hanno avuto per fortuna il tempo di uscire dall’abitacolo e mettersi in salvo prima che le gelide acqua del Baikal inghiottissero tutto