L’orsa Jj4 doveva essere abbattuta nel 2020: l’ordinanza venne bloccata dai ricorsi

L’orsa Jj4 viene seguita dal 2020, dopo una prima aggressione. L’ordinanza di rimozione, firmata dal presidente della provincia, venne fermata dal Consiglio di Stato. Lo spiega Fabio Angeli, direttore del distretto forestale di Malé.

Video

italia

Primavera a Castelluccio di Norcia, lo spettacolo dei colori della fioritura

Il Pian grande è una tavolozza di colori dove a dominare è il rosso dei papaveri e il giallo della senape selvatica, ma si stanno affacciando anche il bianco delle margherite, il blu dei fiordalisi e il celestino della lenticchia. A Castelluccio di Norcia, nel cuore dei monti Sibillini, si rinnova la fioritura, uno spettacolo naturalistico tra i più apprezzati in Italia. "Quest'anno è una fioritura davvero molto bella" sottolinea con l'ANSA Gianni Coccia, agricoltore e anima di Castelluccio.

"Le condizioni climatiche - aggiunge - hanno permesso di seminare la lenticchia in un arco temporale ampio, a cominciare da fine febbraio e quindi in anticipo rispetto agli altri anni e ciò ha permesso tutta questa esplosione di colori già a metà giugno. Colori che giorno dopo giorno mutano e si potranno ammirare fino ai primi di luglio, e anche più in là se non farà particolarmente caldo". Intanto centinaia hanno raggiunto Castelluccio.

"Anche in virtù dei limiti di accesso ad auto e camper di domenica, suggerisco di venire ad ammirare e fotografare la fioritura durante la settimana, quando c'è sicuramente meno confusione e si può godere al meglio dello spettacolo", è l'appello di Coccia. Nei fine settimana, in particolare nelle prossime domeniche, chi vorrà salire sul Pian Grande lo dovrà fare con delle apposite navette che partiranno da Norcia e dai versanti marchigiani che conducono a Castelluccio.

mondo

Tensione al Pride di Kiev, fra gli insulti di estremisti di destra

Tensione al Pride ieri, domenica, a Kiev in Ucraina. Attivisti ultranazionalisti hanno urlato insulti omofobi contro i circa 500 manifestanti che si sono riuniti per la prima marcia del gay pride dall'invasione russa, sotto la pesante protezione della polizia. Poco dopo la dispersione del corteo, che si è tenuto in uno spazio "protetto", i nazionalisti hanno protestato marciando attraverso la capitale ucraina e hanno schernito i manifestanti. Tra i partecipanti alla marcia c'erano diversi soldati apertamente gay, tra cui Petro Zherukha, 28 anni, autorizzato dalla sua unità a partecipare al Pride.

I sondaggi mostrano che i gay, le lesbiche e le persone transgender sono sempre più accettati nel Paese dall'inizio della guerra e che i soldati apertamente omosessuali non esitano ad arruolarsi nelle forze armate. "Tra i manifestanti molti hanno chiesto che vengano autorizzate ufficialmente nel Paese le unioni civili tra persone dello stesso sesso. La mancanza di un quadro giuridico per le coppie dello stesso sesso significa che i partner dei soldati Lgbtq uccisi o feriti potrebbero non essere informati di ciò che è accaduto ai loro cari.