Salta al contenuto principale

Comunità di Valle unita:

la ferrovia deve essere

elettrificata al più presto

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 24 secondi

La presa di posizione della Comunità di Valle è decisa: sì all’elettrificazione della ferrovia della Valsugana (all’unanimità) con il coinvolgimento, oltre che della Provincia, di tutti comuni dell’Alta Valsugana e Bersntol e della Bassa Valsugana e del Tesino.
La mozione, discussa e approvata all’unanimità lunedì sera dal Consiglio di Comunità, era stata proposta dal presidente Attilio Pedenzini. A fine luglio, il consiglio provinciale aveva approvato l’ordine del giorno proposto dai consiglieri Filippo Degasperi e Alex Marini (Movimento 5 Stelle), che impegnava la giunta provinciale «ad avviare tempestivamente le iniziative necessarie e propedeutiche all’impiego dei 59 milioni ancora oggi disponibili per l’elettrificazione della linea ferroviaria della Valsugana».
Ora tocca alla Comunità di Valle, che ha deciso di prendere una posizione forte e chiara. Nel corso della seduta il rappresentante del comune di Borgo, l’ex sindaco Fabio Dalledonne aveva proposto un emendamento per l’acquisto di treni a idrogeno. «Ma il consiglio - ricorda Attilio Pedenzini - non ha approvato l’emendamento perché ha giudicato fondamentale, dal punto di vista strategico, ammodernare la linea in modo tale da inserirla a pieno titolo nella rete ferroviaria interregionale (ad oggi la Valsugana è l’unica linea non elettrificata a livello regionale). L’acquisto di veicoli a idrogeno sarebbe stata una soluzione alternativa, rendendo di fatto inutile l’investimento sulla linea». Dopo la bocciatura dell’emendamento, anche Fabio Dalledonne ha votato la mozione.
L’elettrificazione della linea ferroviaria Trento-Bassano, finalizzata al miglioramento del servizio tra Trentino e Veneto, è strettamente correlata ad analoghi sviluppi avviati sul versante Veneto dove è prevista l’elettrificazione della tratta Castelfranco-Bassano. Il quadro economico del progetto ha un costo complessivo di 60 milioni di euro già stanziati, di cui 59 a valere sul Fondo per lo sviluppo e la coesione e 1 garantito da altre risorse nazionali. In occasione dei recenti Stati generali della montagna il gruppo di lavoro della Valsugana orientale e del Tesino ha posto il progetto come obiettivo prioritario. Anche la Provincia, tramite la Presidenza e il Dipartimento Infrastrutture e trasporti, in occasione dell’incontro della giunta provinciale al Forte delle Benne di Levico Terme dell’aprile scorso, aveva ricordato come «i dati oggettivi depongono a favore dell’elettrificazione, che naturalmente per risultare interessante dovrebbe anche vedere opportune rettifiche di tracciato (anche rilevanti, in particolar modo per quanto riguarda la tratta tra Trento e Pergine)».
Soddisfatto dell’approvazione della mozione il presidente della Comunità, Attilio Pedenzini: «Il tema dell’elettrificazione della linea ferroviaria Trento-Bassano ha evidenti risvolti di carattere ambientale e di sviluppo territoriale. Ma, nello stesso tempo, apre a prospettive importanti sul piano della mobilità pubblica. Mi riferisco non solo al “ring” ferroviario di Trento, che diventerebbe di fatto la metropolitana di superficie del capoluogo con il bypass Civezzano - Trento nord, ma anche e soprattutto al collegamento Primolano - Feltre, oggetto di un protocollo d’intesa fra Regione Veneto e Provincia autonoma di Trento dell’ottobre 2017».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy