Salta al contenuto principale

A Trambileno la "banca della terra"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 56 secondi
TRAMBILENO - Campi incolti, stop allo spreco. Il futuro dei giovani può ricominciare dalla campagna. È questo il senso della Banca della Terra, istituita anche in Trentino.  Si tratta di un  censimento di terreni pubblici e privati incolti che i proprietari mettono a disposizione di chiunque desideri rimetterli in produzione. L’iniziativa ha la finalità di contrastare l’abbandono dei terreni e delle produzioni agricole e favorire il ricambio generazionale in agricoltura.
 
La Banca della Terra consiste in un inventario dei terreni pubblici e privati incolti, che i proprietari possono mettere temporaneamente a disposizione di quanti ne facciano richiesta per rimetterli in produzione.
 
Spetta alle Comunità,  effettuare un censimento dei terreni abbandonati o incolti, nonché delle aree forestali da riportare all’uso agricolo presenti nel proprio territorio, anche mediante collaborazione con i Comuni territorialmente interessati, ai fini del possibile inserimento nella Banca della Terra. Di tutto ciò si parlerà a Trambileno venerdì alle 18, nel Centro Culturale Moscheri, con Marta Da Vià, dirigente provinciale Unità di Supporto al Dipartimento Ambiente e Agricoltura; Giorgio Tecilla, direttore dell’Osservatorio del paesaggio Trentino e Luigi Calzà, presidente Associazione Pimpinella.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy