Salta al contenuto principale

Nella casa Itea serra di "erba"

e un chilo di droga: arrestato

un trentino, con reddito di cittadinanza

L'uomo si dichiarava povero, aveva anche il canone d'affitto minimo

Chiudi
Apri

gigizoppello @ladige

Tempo di lettura: 
1 minuto 41 secondi

I finanzieri del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Trento, dopo una serie di appostamenti, hanno arrestato un italiano di 24 anni perché spacciava droga consegnandola a domicilio.

Dopo averlo fermato, i militari, con i cani antidroga Gabriel, Apiol e Nabuco, ne hanno perquisito l’abitazione, dove hanno trovato una serra artigianale con 2 piante di marijuana.

All’interno dell’appartamento la perquisizione ha consentito, inoltre, di individuare 1 chilo di sostanza stupefacente già pronta ad essere venduta. La droga ritrovata è stata sequestrata e lo spacciatore tratto in arresto e tradotto presso la casa circondariale di Trento in attesa di udienza di convalida.

Il 24enne, pluripregiudicato, è risultato inoltre essere sia beneficiario di reddito di cittadinanza e assegnatario di un alloggio Itea a canone minimo.

Nel corso di un’altra indagine, da cui è scaturita una perquisizione in un’altra casa Itea assegnata a canone minimo ad un italiano che percepisce il reddito di cittadinanza, i finanzieri hanno trovato invece circa 21 dosi di eroina già confezionate e pronte alla vendita. La droga era nella disponibilità di un tunisino di 38 anni, ora arrestato per spaccio, ospite del titolare del contratto d’affitto Itea.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy