Salta al contenuto principale

Scaricano i bagagli dal treno

ma a bordo restano i bambini:

«salvati» da capotreno e Polfer

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 8 secondi

Impegnati a scaricare i bagagli, nella concitazione, si sono «dimenticati» di far scendere i bambini dal treno, e questo è ripartito con i ragazzini a bordo. È accaduto la sera di Santo Stefano, alla stazione ferroviaria di Trento, durante la fermata del treno Frecciargento 8524 da Roma e diretto a Bolzano.

La disavventura per una famiglia con tre bambini, di ritorno dalla vacanza natalizia, i quali non hanno fatto in tempo a scendere. Il padre quindi si accorgeva solo alla chiusura delle porte del treno che la figlia di 10 anni ed il fratellino di 2 anni non erano scesi insieme al fratellino gemello. Ma sul marciapiede c’era la mole di bagagli scaricati.

Lo stupore di veder ripartire il treno si è tramutato in spavento e disperazione per l’uomo e per la moglie i quali si sono rivolti, grazie a un passeggero trentino presente al binario, alla Polizia Ferroviaria in servizio che si è messa subito in contatto telefonico con il capotreno. L’addetto di Trenitalia è corso immediatamente nella carrozza rassicurando i bambini e prendendoli in consegna fino alla fermata di Bolzano, dove sono stati accolti dai poliziotti della Sezione Polizia Ferroviaria nei loro uffici fino all’arrivo, dopo circa un’ora, dei loro genitori giunti in auto, e nel frattempo rassicurati via telefono dagli agenti Polfer trentini. Lieto fine, e rientro a casa. Ma una storia da raccontare tutta la vita...

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy