Salta al contenuto principale

Riva: truffe online

denunciate due donne

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 45 secondi

 Scoperta dalla polizia di Riva del Garda una serie di truffe su acquisti online compiute durante il lockdown ai danni di residenti nell'Alto Garda.

Due donne sono state denunciate. Secondo l'accusa, gli autori della truffa, residenti a Napoli e a Savona, hanno sfruttato le vendite su internet, in particolare durante il periodo del lockdown, per indurre in errore le vittime che cercavano sui siti acquisti a buon prezzo.

Le modalità della truffa sono quasi sempre le stesse. Nella maggior parte dei casi la vittima, dopo aver effettuato una ricerca online, trova su un sito l'oggetto di interesse e, sempre online, contatta il proprietario del bene, per realizzare una compravendita. L'acquirente ed il compratore stipulano un contratto virtuale e, come avviene anche nella vita reale, per confermare l'acquisto viene versata una caparra. Il più delle volte il truffatore intasca la caparra e si dilegua.

(Nella foto il vicequestore Salvatore Ascione)

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy