Salta al contenuto principale

Ciclista inseguito dal lupo

nei boschi sopra Torcegno

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 13 secondi

Inseguito da un lupo inferocito - così ha raccontato - mentre passava in bicicletta lungo una strada comunale sopra Torcegno, in Valsugana. La brutta avventura è capitata a un uomo che abita in zona e che era andato a farsi una sgambata col rampichino tra i boschi.

L’uomo stava pedalando quando si è trovato a passare vicino ad un recinto dove erano rinchiuse delle pecore ed ha visto che almeno quattro “canidi” che sul momento ha classificato come lupi si aggiravano nella zona, presumibilmente pronti a trovare un varco per assicurarsi il pranzo. Il suo sospetto, riferito ad amici e conoscenti ma anche nella stessa giornata ai responsabili del Servizio foreste della Provincia, è che il piccolo branco fosse composto da giovani lupi ormai adulti e da una madre sospettosa che vedendo arrivare il ciclista sarebbe scattata per allontanare l’intruso, visto come possibile pericolo per i suoi cuccioloni. Si tratta naturalmente solo di supposizioni in mancanza di prove certe.

Di sicuro rimangono alcuni secondi di intensa paura che hanno spinto l’uomo ad alzarsi sui pedali e spingere a tutta birra per cercare di seminare la bestia ringhiante, che fortunatamente ha mollato la presa dopo un tratto di strada.

L’episodio è avvenuto in una località non lontana dai centri abitati e questo particolare ha suggerito al ciclista di raccontare l’episodio agli uomini della Forestale. «Mi hanno riferito - conferma l’assessore provinciale Giulia Zanotelli - ma la persona che ha fatto la segnalazione ha parlato genericamente di canidi non essendo in grado di affermare con certezza che si trattava di lupi. Tutto può essere e nulla è escluso. Nel dubbio posso dire che la zona è monitorata e oggetto delle nostre attenzioni».

A far pensare che si possa essere trattato di lupi sono i precedenti. L’anno scorso era stata accertata la predazione di un ovino in località Ciste di Torcegno e gli episodi di avvistamento in zona sono più d’uno.

Certo ad inquietare è l’aggressività mostrata in questa occasione nei confronti dell’uomo, questa sì una novità quasi assoluta. In letteratura l’ultima aggressione accertata di un lupo a un uomo risale a due secoli fa. Quello che preoccupa soprattutto gli allevatori è piuttosto il proliferare di questi animali che si stanno espandendo sul territorio trentino molto velocemente. Secondo i censimenti oggi sarebbero poco meno di trecento, più del doppio rispetto a quattro anni fa. E negli ultimi giorni un branco piuttosto consistente è stato avvistato sulle montagne del Lagorai.

A proposito, dal Lagorai arriva anche la notizia, risalente a una decina di giorni fa, della presenza sui quei monti dell’orso M49 che nei pressi di una malga ha assalito e ferito gravemente una manza.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy