Salta al contenuto principale

Caserme Chiesa da abbattere

per fare posto agli alloggi

per i militari di carriera

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 50 secondi

Giù i vecchi edifici risalenti agli anni Trenta del secolo scorso e spazio a nuovi alloggi per i militari di carriera in una’area di due ettari e mezzo all’interno delle caserme Damiano Chiesa. Lo prevede una parte del progetto di ridefinizione delle strutture logistiche e funzionali alla Difesa riguardanti nella città di Trento le caserme Pizzolato e Chiesa.

All’interno dell’Accordo di programma quadro concernente “Interventi per la razionalizzazione delle sedi e delle strutture statali e provinciali nella città di Trento, recentemente rivisto alla luce della rinuncia alla realizzazione della Cittadella militare sull’area San Vicenzo di Mattarello, sono indicate opere per 60 milioni di euro a carico della Provincia per ammodernare le due caserme dove si concentrerà l’attività dell’esercito in città. Un primissimo stralcio da 1 milione 350.000 prevede l’abbattimento dei vecchi edifici che oggi occupano la parte sud-ovest delle Chiesa. L’area dell’intervento è pari a 25.500 metri quadri ed è circoscritta a nord-est dalla ferrovia, ad ovest da Via al Desert e a sud dall’area provinciale destinata alla realizzazione al nuovo ospedale trentino.

L’area di proprietà dell’Esercito è delimitata verso le proprietà confinanti da un muro di recinzione in muratura con altezza variabile tra 2 e 3 metri e mezzo. Gli edifici presenti sono realizzati con struttura portante in travi e pilastri in calcestruzzo, tamponamenti in mattoni di laterizio intonacati, copertura in avvolto in laterizio e cordoli in calcestruzzo. Nel dettaglio l’ex officina meccanica ha un volume di13.200 metri cubi, un deposito di mezzi pesanti occupa 18.800 metri cubi, i magazzini 9.430 metri cubi, l’ex mensa 6.076 metri cubi e l’edificio ingresso nord 320 metri.

La pavimentazione esterna è realizzata in parte da massetto in calcestruzzo e in parte asfaltata. La demolizione prevede la differenziazione dei vari materiali con smaltimenti e riciclo specifici per tipologia. I lavori di demolizione comprendono anche la bonifica e rimozione del deposito carburante completo di sei cisterne contenenti gasolio, la bonifica del terreno eventualmente contaminato dallo sversamento d’idrocarburi, lo smaltimento di materiale pericoloso compreso l’amianto e la rimozione di tutti i sottoservizi. Non è oggetto di demolizione la cabina di trasformazione che serve non solo l’area militare ma anche la zona circostante e tutti i muri di recinzione.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy