Salta al contenuto principale

Da luglio record di cani abbandonati

Già 35 recuperi: il doppio del normale

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 12 secondi

Si sa che l’estate è un brutto periodo per i cani: ogni anno riemerge il problema di chi non vuole più prendersene cura e, per non avere fastidi in vacanza o spendere soldi per una pensione, decide semplicemente di abbandonarli.

Molto è stato fatto per arginare questa forma di profonda inciviltà (come si può chiamare chi ripaga l’affetto incondizionato di un animale con un vero e proprio tradimento?) ed in effetti la situazione nel corso del tempo è decisamente migliorata.

Questo comportamento, che tra l’altro è un reato penale per cui si procede d’ufficio e che comporta la pena di un anno di reclusione o un’ammenda da mille a 10mila euro, è dunque diminuito drasticamente nella nostra provincia, ma ora sta emergendo un dato assai inquietante.

Nel canile dell’associazione Arcadia a Marco di Rovereto gli ingressi in luglio ed agosto hanno subito una grossa impennata e sono addirittura raddoppiati. I numeri sono chiari: dal primo luglio ad oggi sono state fatte ben 35 catture, molte di più di quelle degli altri anni.

Il caso strano è che non si tratta di un improvviso imbarbarimento dei trentini ma vi è il fondato sospetto che si possa trattare di cani dalla provenienza quantomeno sospetta. «Soprattutto nei casi di Brentonico, Baselga di pinè, Ala e Rovereto - spiega Pierluigi Raffo (nella foto), responsabile di Arcadia e una laurea in Tacrec (Tecniche di allevamento del cane di razza ed educazione cinofila) - ci sono elementi che fanno pensare che questi cani non vengano da privati cittadini». Gli elementi a supporto di questa ipotesi sono molteplici: «Sono animali dalla grande competenza sociale, già abituati a stare in gruppo con altri cani; sono risultati positivi alla leishmaniosi, una malattia endemica delle zone del centro e Sud Italia; si tratta di animali reattivi-diffidenti», spiega Raffo. Che aggiunge: «Visto che non ci sono gruppi di cani randagi in giro per il Trentino, e non sono così comuni gli abbandoni tra i cani da malga, c’è da chiedersi da dove vengano questi animali».

«Intanto - prosegue Raffo - la cosa è stata segnalata all’Azienda sanitaria. Per riuscire a risolvere il problema, la cosa migliore sarebbe fare un censimento canino sul territorio Provinciale di concerto con i comuni e le istituzioni di controllo». L’inusuale affollamento estivo ha portato alla decisione del Comune di Rovereto di negare l’accesso di nuovi cani problematici all’Arcadia. «Non è giusto - rimarcano al canile - non poter offrire la nostra alta competenza nei casi complessi».

Una professionalità che ha comunque portato ad un risultato davvero notevole: da luglio ben 15 cani sono stati dati in adozione, un numero elevato, anche in considerazione del periodo estivo. Conclude Raffo: «C’è un grosso lavoro per trovare il cane giusto per la famiglia giusta. E poi chi adotta sa di poter contare su un prezioso percorso di affiancamento e supporto: ecco perché sono tante le famiglie che preferiscono rivolgersi a noi quando decidono di far entrare un animale in casa».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy