Salta al contenuto principale

Non ce l'ha fatta il 31enne di Riva

caduto in bici sulla «Nago Vecchia»

il 25 agosto mentre tornava dal lavoro

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 10 secondi

Non ce l’ha fatta. Armand Balliu, 31 anni, è spirato venerdì all’ospedale di Trento dove era stato ricoverato in prognosi riservata dopo il terribile incidente in bicicletta sulla «Nago vecchia».

Lascia nel più profondo dolore l’amata Micaela, i genitori, i fratelli Elson e Island, i due nipoti e tutti i parenti e gli amici. Una vita spezzata troppo presto, quella del giovane cameriere dell’hotel Continental, dove era apprezzato professionista, «Brava persona, sempre presente, puntuale, capace con la gente, rispettoso, una persona a posto» ricorda il direttore dell’albergo Massimo Tonelli.

Era arrivato a Riva al Garda nel 2010 a seguito del fratello Elson già nel Basso Sarca da due anni. Avevano lasciato la loro città Durazzo in Albania, per vivere e lavorare nell’Alto Garda: dopo tre anni passati alle dipendenze a Villa Cian, Armand era entrato a servizio dei Tonelli, prima per cinque anni all’hotel Savoy poi nell’ultimo anno al Continental di Nago, con un intervallo di qualche mese alla Madonna delle vittorie. Giocava a calcio in Albania e anche al suo arrivo in Italia è stato notato e ha militato nelle fila dell’Ac Nago Torbole.

«Affrontava la vita di petto - ricorda commosso il fratello Elson - gli piaceva andare in palestra, giocare a biliardo. Era una persona meravigliosa». «Voglio fargli i complimenti - aggiunge Island - per la sua vita da campione. Ci mancherà immensamente». Anche tutto lo staff del Continental, i colleghi e le colleghe di lavoro, sono affranti per la perdita di Armand, non si capacitano, «un amico, un collega speciale, ci mancherà tantissimo» hanno fatto sapere.

La salma del giovane sarà collocata stamattina alla camera ardente del cimitero di Trento e domani verrà portata al camposanto di Grez a Riva del Garda, dove alle 13.30 si svolgerà la cerimonia funebre.

Stava tornando verso Riva del Garda, a casa in bicicletta, alle 22.30 di martedì 27 agosto, dopo una giornata di lavoro all’hotel Continental di Nago. Armand Balliu ha preso la sua bici e come sempre si è diretto verso Torbole prendendo la «Nago vecchia» una lunga discesa che dal Fortino arriva fino in piazza Goethe a Torbole. A metà tragitto però qualcosa è successo, perché è caduto e ha sbattuto con violenza la testa sull’asfalto procurandosi un tremendo trauma cranico. È rimasto incosciente sull’asfalto con una vistosa emorragia.

L’allarme è arrivato alla centrale del 112 che ha inviato sul posto l’ambulanza di Trentino Emergenza e anche l’elicottero del 118 con l’équipe medica. Il velivolo è atterrato al campo di Mala dove i vigili del fuoco volontari hanno recuperato i sanitari per portarli sul posto dell’incidente. Il giovane cameriere è stato stabilizzato e trasferito dall’ambulanza all’elicottero, quindi in volo al Santa Chiara dove è stato operato nella notte per poi essere ricoverato in rianimazione in prognosi riservata.

Pare accertato che non ci sia nessuna responsabilità di terzi nella caduta, secondo quanto rilevato dai carabinieri intervenuti sul posto.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy