Salta al contenuto principale

Un treno contro una cisterna chimica

riuscita la grande esercitazione

con Trento-Malé e pompieri - LE FOTO

 

Chiudi
Apri

foto NICOLA BALDO @ladige Giornale l'Adige

Tempo di lettura: 
2 minuti 27 secondi

E' stata resa ancora più difficile dalla pioggia, la grande esercitazione scattata oggi in Rotaliana lungo la ferrovia: la linea ferroviaria Trento – Malè – Mezzana è stata interrotta stamattina nella tratta fra Trento e Mezzolombardo, dalle ore 7 per una manovra simulata organizzata da Trentino Trasporti e Vigili del fuoco volontari del Trentino.

In particolare, a Mezzocorona si è simulato lo scontro ad un passaggio a livello fra un treno carico di passeggeri, una corriera di linea, un pullmino e un camion cisterna carico di soistenze tossiche: in pratica, uno dei peggiori scenari di intervento possibili.

Grande impegno di centinaia di pompieri, con le forze dell'ordine e i volontari del soccorso, e piena riuscita della manovra di emergenza. 

I treni sono stati sostituiti con autobus, rispettando i medesimi orari previsti dalla linea ferroviaria 

LE FOTO DI NICOLA BALDO

IL VIDEO RACCONTO

A fare gli onori di casa il neo comandante del Corpo di Mezzocorona, Daniele Kaswalder, l’ispettore distrettuale, Flavio Clementel, e il presidente della Federazione dei Corpi dei vigili del fuoco volontari, Tullio Ioppi. “E’ una giornata importante - ha detto Ioppi - perchè attraverso l’esercitazione di questa mattina avete avuto l’occasione di testare le attrezzature e le procedure che potrebbero servire in momenti di soccorso della popolazione. Dobbiamo essere pronti e preparati in ogni momento e nel modo migliore per portare sollievo a chi è in difficoltà. Oggi però mi preme anche sottolineare la massiccia presenza dei sindaci e delle autorità provinciali nella loro massima espressione. Lo considero un bel segno, testimonianza delle loro vicinanza al nostro mondo. E’ un segno che ci porta a dire che i pompieri veramente sono una presenza importante nella comunità”.
I rappresentanti delle istituzioni, il presidente della Provincia e quello del Consiglio provinciale, hanno voluto rappresentare il grande valore che il governo trentino attribuisce ai Vigili del fuoco volontari e più in generale all’intera organizzazione della Protezione civile.
In particolare il governatore Fugatti ha ringraziato anche in questa occasione i volontari per il lavoro svolto quotidianamente.
Al termine degli interventi ufficiali si è svolta la cerimonia di consegna degli attestati di benemerenza per il servizio prestato. Questi i nomi dei premiati. 15 anni di servizio: Ivo Pittigher, Manuel Antonelli, Steven Viola, Luca Conforti, Matteo Filippi, Mattia Carli, Alessandro Bertò, Manuel Rigotti, Giuseppe Rinaldi, Alessio Tanel, Ciro Tanel, Simone Tanel, Giovanni Veronesi, Enrico Eccher, Ruggero Bini. 20 anni di servizio: Nicola Spellini, Gianfranco Callovi, Michel Dal Rì, Damiano Pezzi, Walter Bampi, Adriano Fontana, Alessio Giovanaz, Michele Dalri, Nicola Palanch, Emilio Concin, Mauro Malfatti, Michele Castellan, Maurizio Francesco Hellwegher. 25 anni di servizio: Igor Cattani, Michele Cattani, Stefano Emanuelli, Roberto Furlan, Giovanni Luchin, Patrizio Cerato, Giuseppe Kaswalder, Andrea Franzoi, Alberto Vicenzi, Luciano Adami, Corrado Fedrizzi, Giorgio Rigotti. 30 anni di servizio: Giovanni Fellin, Nicola Zambonato, Andrea Tonidandel, Eddi Tonini. 35 anni di servizio: Aldo Dalfovo, Rino Casna, Roberto Gervasi, Alfio Marcon, Carlo Ghezzi, Stefano Maines, Paolo Mittestainer. 40 anni di servizio: Corrado Betta.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy