Salta al contenuto principale

Per i 110 anni di Pierina

un bel pranzo a Cimego

e la telefonata di Mattarella - VIDEO

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 35 secondi

Con un pranzo tipicamente della valle del Chiese la signora Pierina Sala ha festeggiato oggi nel Trentino Occidentale il suo 110° compleanno assieme a nipoti parenti e amici.

La scelta del posto, l’Hotel Aurora di Cimego, non è casuale perché proprio in questo angolo tra il lago d’Idro e le Dolomiti di Brenta la nonnina di Milano trascorre regolarmente le vacanze estive da cinquant’anni. Iniziò con il babbo Cesare negli anni Venti. Poi tanto lavoro in centro a Milano. E quindi il regolare ritorno per le vacanze estive. “In Valle del Chiese e nelle Valli Giudicarie si respira bene e si invecchia meglio” la sua tradizionale frase. E a vederla sorridere e a brindare attorniata dalle persone care c’è proprio da crederci.

A complimentarsi con la nonnina di Milano stati con due distinte telefonate anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il Sindaco di Milano Giuseppe Sala, omonimo ma non parente. Agli auguri istituzionali si sono aggiunti quelli del Presidente del Trentino Maurizio Fugatti, dell’assessore al Turismo Roberto Failoni e della presidente del Consorzio Turistico Valle del Chiese Daiana Cominotti, tutti concordi nel sottolineare come in un momento di notizie tristi e drammatiche festeggiare una nonnina di 110 anni è una ventata di ottimismo e positività. La presidente Cominotti ha consegnato a Pierina Sala un mazzo di liulium, i suoi fiori preferiti.

Tanto affetto capace di rendere ancora più speciale un traguardo che pone la signora Sala tra i tredici italiani più longevi. Per questo alla sua vicenda si è interessato persino il Centro di Ricerche Carlo F.Dondena sulle dinamiche sociali e politiche pubbliche dell’Università Bocconi: nonna Pierina sta, infatti, alzando ulteriormente il dato della vita media delle donne italiane.

L’ arzilla ultracentenaria è nata a Fara Gera d’Adda (Bergamo) il 28 giugno 1910 e poi all’età di venti anni si è trasferita a Milano dove con il marito Enrico Ronchi – ricorda il nipote Giorgio Arlati - aprì la posteria (negozio di alimentari) Sala Ronchi in piazza Belloveso a Niguarda per poi trasferirsi in via Monterondo.

Il segreto della sua longevità? La signora Sala da sempre lo spiega a figli nipoti, cugini e amici: “…a lavorare con la gente con piacere si invecchia meglio…. Mi è sempre piaciuto stare in mezzo alla gente ”.

Poi la festa con nipoti e parenti, tra i quali esponenti del mondo finanziario e politico. Il nipote Roberto Camagni è stato vicensindaco di Milano nella giunta guidata da Paolo Pilitteri e Giorgio Arlati è esponente della finanza internazionale.
Sino a qualche anno fa l’evento del 28 giugno veniva condiviso con la sorella Alessandra, scomparsa all’età di 103 anni. Dieci anni fa, in occasione del Compleanno centenario, a Pierina Sala venne consegnata da Marco Zulberti la medaglia d’oro concessa dal Comune di Milano su indicazione dell’Associazione 4 Sorelle.

Alle tradizionali vacanze in Trentino la signora Sala abbina il rito del pellegrinaggio al santuario della Madonna Addolorata a Arcene (Bergamo), iniziato nel 1918 con il babbo Cesare al ritorno dalla prima guerra mondiale. E proprio con il babbo Cesare e Mamma Teresa ha iniziato ad apprezzare le montagne della Valle del Chiese e del Trentino.

L'INTERVISTA VIDEO 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy