Salta al contenuto principale

L'orso colpisce a S. Lorenzo in Banale

sbranata l'asina Morgana, era la star

dei "giri in sella" dei bambini

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 18 secondi

Lorenzo Cattafesta è affranto. L’orso, la notte fra lunedì e martedì, gli ha sbranato l’asina Morgana, che altri due asinelli era al pascolo ai prati delle Mase, sopra San Lorenzo in Banale. «Martedì mattina sono andato a caricare i miei asini per andare a svolgere un’attività e ho trovato questo...infinita tristezza. Morgana buon viaggio... grazie di tutto» ha scritto su Facebook, pubblicando le foto della sua asina straziata.

Morgana non era un’asina qualunque: da anni era la beniamina dei bambini che partecipavano alle attività di trekking e giri in sella, in tante manifestazioni e sagre della valle. E infatti tantissimi, ieri, hanno scritto messaggi di cordoglio e di dolore su Facebook, ricordandola.

«No, certo che non era un’asina qualunque: ci ero affezionato» spiega Lorenzo. «Quando sono andato su a prenderla, mi si è stretto il cuore. Non pensavo che l’orso colpisse lì: c’era intorno un recinto elettrico a due fili, e il prato è vicino alla casa di un anziano che vive lì tutto l’anno, non credevo che l’orso si spingesse vicino alla casa, e invece...»

Lorenzo ammette che non aveva un recinto anti-orso: «Il recinto alto, a cinque fili, in teoria protegge dai carnivori, ma io non credo che neanche un cinque fili possa fermare una bestia così. L’abbiamo visto a Trento, al Casteller, dove l’orso è scappato da un triplo recinto a 8 mila volt e alto tre metri... Avevo lasciato lì Morgana con altri due asini, il figlio e un altro. L’orso ha preso lei, ovviamente era la femmina e un po’ più lenta. Gli altri due per fortuna non li ha toccati».

E adesso? «Adesso devo andare a fare le carte per il risarcimento, ci andrò lunedì - dice Lorenzo - intento ho parlato con i Forestali di qua. Mi hanno chiesto se sono sicuro che sia stato l’orso... Ma chi vuoi che sia stato? L’ha aperta da davanti ai genitali, con una zampata».

Anche i Forestali gli hanno chiesto come mai non aveva un recinto anti-orso con la corrente più forte. «Ma come faccio? Ho dieci asini, dislocati in punti diversi, su 10 ettari di pascolo... non posso permettermi recinzioni alte e forti su 10 ettari. Magari fare un recinto più piccolo, come dicono i Forestali, ma io non credo che funzioni: un orso affamato dei cinque fili se ne fa un baffo, manco li vede, va avanti e sfonda... si fa presto a parlare, ma se non vivi con le bestie, non lo sai com’è».

Questo vale anche per i «leoni da tastiera»: ieri alcuni animalisti lo hanno attaccato su Facebook, contestandogli la mancata custodia della bestia. «Questa gente non sa niente, vive in un mondo virtuale e non ha mai provato a vivere la vita di un allevatore. Cosa vuoi: o sei sempre lì, 24 ore al giorno, con i cani maremmani.... ma come si fa? Non puoi vigilare gli animali al cento per cento. Comunque adesso li abbiamo portati giù, e lì ci siamo sempre, e abbiamo i cani. Speriamo bene, ma siamo affranti».


 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy