Salta al contenuto principale

La "vittima" difende i Krampus:

«Noi vogliamo prendere botte»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 52 secondi

«Il giorno dei diavoli per tantissimi vipitenesi è il giorno più bello di tutto l'anno». Lo afferma su Facebook un giovane che afferma di essere lui la "vittima" accasciata a terra che prende calci e bastonate dai Krampus che si vede nel video della sfilata che ha causato polemiche anche livello nazionale.

Nel post, "Maximoto Ploner" difende i demoni. Secondo il Dolomiten si tratta di Maximilian Ploner, un 24enne di Vipiteno.

«Come ogni anno - scrive -, sono partito con i miei amici già la mattina a cercare i diavoli, perché noi vogliamo prendere "botte". Infatti non vediamo l'ora finché finalmente arriva il 5 dicembre. Siamo come dei piccoli bambini che aspettano Natale. Forse per persone che non sanno di che cosa si tratta, il video può sembrare brutale, pero per noi è normale».

«Certo che ci sono qualche lividi il giorno dopo, ma non mi sono mai fatto veramente male, perché sappiamo molto bene cosa succederà e quindi ci vestiamo bene», afferma il giovane, respingendo anche l'accusa di razzismo. Nessuna vittima sarebbe migrante.
   

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy