Salta al contenuto principale

Bolzano disinfetta le strade:

a Trento si usa solo acqua

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 32 secondi

È iniziato lunedì il lavaggio delle strade da parte dei mezzi di Dolomiti Ambiente. Per il momento si è trattato di una pulizia con getti d’acqua a terra e senza l’uso di sostanze disinfettanti.

La scelta è stata contestata dalla Lega col consigliere e vicepresidente del consiglio comunale Vittorio Bridi che ha scritto al sindaco Alessandro Andreatta per chiedere di attivare, al più presto possibile, una piano di sanificazione delle strade della città, sull’esempio di quanto messo in campo da molti Comuni del Nord Italia colpiti dall’epidemia del Covid-19. La richiesta, inserita in un’interrogazione, comprende anche la proposta di attivare i richiedenti asilo ospitati presso la residenza di via Fersina, a Trento, per coadiuvare il personale specializzato nel servizio strade.
Il documento inviato a Palazzo Geremia, data la chiusura a tempo indeterminato del consiglio comunale, specifica come i richiedenti asilo potrebbero essere coinvolti nel progetto di sanificazione, da effettuare, tramite Dolomiti ambiente, attraverso prodotti disinfettanti da spruzzare direttamente sulle strade attraverso specifiche lance a mano.
L’esempio, citato nel testo dell’interrogazione, è quanto effettuato in questi giorni dagli enti locali di Napoli, Milano e Codogno, dove l’amministrazione ha avviato un piano di disinfezione dei luoghi all’aperto più frequentati.

Intanto è proseguito anche ieri l’intervento di sanificazione di strade, piazze e parchi gioco della città promosso dal comune di Bolzano. Il prodotto utilizzato, ricorda il comune, è perossido di idrogeno al 50%, solubilizzato in acqua al 5% ed erogato attraverso un atomizzatore montato su pick-up.
Il prodotto non brucia le piante, non ossida i metalli, non unge, non decolora e una volta a terra risulta totalmente biodegradabile. Il rilascio in atmosfera fa sì che anche qualora, accidentalmente, una persona o un animale dovesse venire a contatto con le microparticelle disperse non esistono rischi di intossicazione, fatto salvo il contatto diretto con le mucose che potrebbe provocare lieve bruciore.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy