Salta al contenuto principale

Ospedale di Borgo:

in aprile il cantiere

l'annuncio ai sindaci

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 35 secondi

Entro aprile aprirà il cantiere per i lavori di riqualificazione e ampliamento dell’ospedale San Lorenzo. Tra 50 mesi, quindi poco più di 4 anni, l’intervento sarà ultimato dall’Ati composta dalla capogruppo Bertolini Ocea Impianti srl di Rovereto e dai due mandati della Mak Costruzioni srl di Lavis e Edison Facility Solutions spa di Trento. La spesa prevista è di 16,3 milioni di euro.

Ma giovedì pomeriggio, nella sede della Comunità a Borgo, non si è discusso solo di questo nell’incontro tra il Comitato per la Salute, l’assessore provinciale alla salute Stefania Segnana, il direttore dell’Azienda Sanitaria Paolo Bordon, il dirigente generale del Dipartimento Salute e Politiche Sociali Gian Carlo Ruscitti ed il direttore sanitario dall’Apss Pierpaolo Benetollo. Sul tavolo le diverse richieste avanzate dai sindaci del territorio, quasi tutti presenti all’incontro. A partire dalla cronica carenza di personale medico che, in questi mesi, ha interessato soprattutto i reparti di medicina e ortopedia del San Lorenzo. Dopo il pensionamento del primario Luciano Bertoldi, sindaco e presidente della Comunità Attilio Pedenzini hanno chiesto il ritorno del primariato ed il ripristino dell’organico a quattro chirurghi ortopedici.

Sarà indetto un concorso per il doppio primariato (ora condiviso con Trento) con assessorato e Azienda Sanitario che hanno preso atto della richiesta di assegnare al San Lorenzo una struttura semplice dipartimentale che possa garantire una programmazione autonoma e lavorare in rete con le unità operative aziendali. Ma quello che preoccupa di più è la situazione del reparto di medicina. A fronte dei 14 medici previsti in organico, a marzo ne resteranno 9, a metà 2020 otto ed alla fine dell’anno solo sei. «Una situazione insostenibile, che si ripercuote non solo sulla funzionalità del reparto - è stato ribadito - ma che comporta un non appropriato incremento di responsabilità per il personale infermieristico. Abbiamo chiesto - ricorda il sindaco di Borgo Enrico Galvan - di mettere mano anche alla situazione oggi presente nell’ospedale di notte. In reparto è presente un solo medico che deve garantire anche l’attività in pronto soccorso. Carichi di lavoro che stanno logorando il personale. Abbiamo anche ribadito la necessità di valorizzare i professionisti oggi presenti a Borgo, dando loro adeguate prospettive future impegnandosi soprattutto per migliorare la sicurezza del servizio».

Sia Segnana che Ruscitti e Bordon hanno ribadito come si stia lavorando per recuperare nuovo personale, pensando ad una convenzione con l’ospedale di Feltre per avere a disposizione medici per il reparto di medicina. In arrivo, da marzo, un nuovo radiologo al San Lorenzo con il servizio ampliato per altre due ore al giorno. Novità anche a gastroenterologia (nuova dottoressa) con altro personale in arrivo per i laboratori di reumatologia. Nel corso della riunione si è parlato di terapia del dolore, day hospital oncologico e di come intervenire sul territorio per far sì che si possano ridurre gli accessi non necessari al pronto soccorso ospedaliero. Via libera, infine, alla richiesta del Comitato per la Salute e dei sindaci per dotare il reparto di odontostomatologia di una nuova sala operatoria nel blocco esistente. Questo per assicurare la massima sicurezza ai pazienti, ottimizzare le operazioni chirurgiche e semplificare il lavoro degli anestesisti.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy