Salta al contenuto principale

Ala: nel presidio ospedaliero

in arrivo 10 posti letto

per le cure intermedie

 

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 58 secondi

La rete provinciale delle cure intermedie si amplierà a breve di ulteriori 10 posti letto che verranno attivati, nei primi mesi del 2020, nel presidio socio-sanitario di Ala.

Lo ha stabilito la giunta provinciale di Trento. «Le cure intermedie svolgono un ruolo fondamentale di collegamento fra il ricovero ospedaliero e l'assistenza
domiciliare - ha detto l'assessora provinciale alla salute, Stefania Segnana, -  ci consentono di gestire al meglio le situazioni di fragilità e di cronicità, di sviluppare l'autonomia, la stessa autocura del paziente e della rete familiare, nonché la predisposizione del domicilio».

Le “cure intermedie” sono strutture a bassa intensità di cura, gestite dai servizi territoriali, a prevalente gestione infermieristica, con valenza assistenziale e riabilitativa estensiva.

Hanno tra gli obiettivi il recupero della stabilità clinico-assistenziale, lo sviluppo delle capacità di autocura del paziente e della rete familiare e la predisposizione del domicilio per il rientro a casa in sicurezza del paziente, prevalentemente anziano e fragile, dopo un ricovero in ospedale per acuti.

La Provincia ha deciso di puntare su una trentina di posti letto: 11 al San Camillo, 12 a Mezzolombardo già operativi, 10 ad Ala e 3 a Tione non ancora attivati.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy