Salta al contenuto principale

Immobili alle associazioni: il Comune riduce i canoni vista la crisi sanitaria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 52 secondi

La giunta comunale di Trento, visto il perdurare delle restrizioni sanitarie, ha approvato la proposta di rideterminare in diminuzione, nella misura del 25%, gli importi relativi al primo semestre (e quindi del 50% su base annua) richiesti a titolo di rimborso spese accessorie alle associazioni e agli enti senza scopo di lucro ospitati all’interno di immobili comunali, e di differire la scadenza del pagamento della prima rata a titolo di canone e spese accessorie al 31 luglio 2021.

Si tratta di una sostanziale conferma delle misure di sostegno messe già in atto nel corso del 2020 e rivolte all’associazionismo cittadino che trova ospitalità in immobili dati in concessione a uso associativo.

«La decisione - fanno sapere dal Comune - anche se basata su dati previsionali e non certi, è necessaria non solo per fornire una risposta chiara e certa alle circa quattrocento associazioni interessate e permettere loro di fronteggiare immediatamente le difficoltà finanziarie attuali, ma anche per consentire all’amministrazione comunale di programmare la gestione dal punto di visto amministrativo e contabile dei numerosi rapporti contrattuali in essere».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy