Salta al contenuto principale

Il centrosinistra autonomista

punta sul sindaco Valduga

ieri il sì alla candidatura

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 47 secondi

La sfida per palazzo Pretorio del prossimo 3 maggio si sta delineando. Con i riflettori puntati sul centrosinistra autonomista che, negli ultimi giorni, è stato colpito da un’epidemia di «influenza» politica. Perché la scelta di puntare sul sindaco uscente Francesco Valduga ha fatto venire il mal di pancia a molti, soprattutto al gruppo consiliare che, non a caso, ha bocciato l’ultimo bilancio. Un segnale che non solo non è distensivo ma che dimostra a chiare lettere l’avversione degli esponenti «dem» in aula Malfatti ad appoggiare il primo cittadino civico. E che, non a caso, contesta al segretario Carlo Fait di aver deciso strategia e linea senza consultare la base, con la scelta di Valduga già decisa prima ancora di sedersi al tavolo della trattativa. Che prevede, dicono i tesserati, il ticket con Giulia Robol vicesindaco. E questo disegno è contestato da molti perché, dicono, «sa di spartizione di poltrone da prima Repubblica».

 L'articolo completo sul giornale l'Adige in edicola

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy