Salta al contenuto principale

In canoa a motore sul Garda

Pescatori fermati da polizia

Rischiano multa da 516 euro

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 38 secondi

Gli agenti del commissariato di Riva del Garda hanno contestato a padre e figlio, residenti in provincia di Mantova, la violazione della legge provinciale che vieta, ai non autorizzati, la navigazione a motore nella parte trentina del lago di Garda. La legge prevede una sanzione da 172 a 516 euro.

La pattuglia, impegnata nella vigilanza del lago, ha fermato ed identificato i due che, a bordo di una canoa dotata di motore a propulsione elettrica, stavano pescando nel lago. Durante il controllo è emerso, anche, che a bordo del mezzo non vi erano equipaggiamenti di sicurezza, allo stato, non obbligatori.

La polizia invita tutti coloro che navigano il Garda a dotarsi, soprattutto in questo periodo dell’anno, dei mezzi e dell’abbigliamento adeguato, senza dimenticarsi degli strumenti necessari per evitare spiacevoli incidenti.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy