Salta al contenuto principale

Riva, rivivere l'Ottocento

grazie al «Salotto Maffei»

Nata la nuova associazione che si ispira al letterato rivano: danze, costumi d'epoca, incontri e rievocazioni

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 56 secondi

Gran galà, merende musicali, rievocazioni storiche. Ma soprattutto, appuntamenti danzanti nei più bei palazzi, castelli, teatri d’Italia e d’Europa, per restituire lustro all’atmosfera, agli abiti, alle coreografie, che a metà Ottocento regnarono negli ambienti culturali più rinomati ed esclusivi.

A distanza di 220 anni dalla nascita di Andrea Maffei, poeta ledrense di nascita e rivano d’adozione, figura influente nella società dell’epoca, si è ufficialmente costituita nelle settimane scorse l’«Associazione Salotto Maffei», un sodalizio che facendo tesoro della passione coltivata dai propri soci intende promuovere la conoscenza e la cultura contemporanea al noto letterato riportando in auge quel contesto mondano che a metà Ottocento fu punto di incontro di aristocratici, artisti, musicisti e scrittori, tra cui Giuseppe Verdi, Alessandro Manzoni, Francesco Hayez, Honoré de Balzac.

«Il nostro intento è quello di sostenere la diffusione della danza sociale del XIX secolo - spiegano Helmut Graf, presidente della neonata associazione e già  tra i fondatori di “ItaliaOttocento”, gruppo nazionale di ricerca e condivisione sulla danza storica, ed Angelo Pederzolli, tra i giovani soci del direttivo - a quel tempo, attorno alla figura di un importante artista o letterato veniva sempre a crearsi un gruppo di musicisti ed intellettuali dediti alle arti, al confronto ideologico e allo svago.

La principale attività mondana era il ballo, organizzato da enti pubblici in teatri, sale, corti, o da privati, che aprivano i saloni dei propri palazzi.

Partendo dunque da Andrea Maffei, dalla grande influenza che ebbe nella società del suo tempo, dai manuali dei maestri di cerimonia e dal nostro personale interesse verso quel periodo storico, abbiamo deciso di promuovere la conoscenza degli usi, dei costumi e dei rapporti sociali di allora. Grazie ad un’opera di ricerca e recupero delle fonti originali, intendiamo riproporre fedelmente valzer, polke, mazurke, contraddanze e quadriglie, ma anche ricostruire - in costumi d’epoca, realizzati nell’atelier di sartoria roveretana di Kevin Delaiti facendo fede a modelli tratti da disegni e cartamodelli originali - gli eventi storico-culturali che segnarono il nostro territorio, coinvolgendo laddove possibile il pubblico».

Oltre agli eventi a tema che nel corso del 2018 verranno organizzati in zona, la neonata associazione altogardesana prenderà parte a Firenze ad una serie di iniziative dedicate all’Unità d’Italia. Il gruppo si ritrova ogni lunedì sera alle 21 all’ex Colonia Sabbioni ed invita chiunque interessato a partecipare.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy