Salta al contenuto principale

 «Luogo comune», uno spazio per tutte e tutti

«Arcobaleno» con altre 13 realtà ha inaugurato una sala in via Marchi a Riva del Garda

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 9 secondi

Il progetto si chiama «Luogo comune»: si tratta di una sala in via Italo Marchi (al numero 13) a Riva del Garda a disposizione degli abitanti del quartiere. 

Per capire di cosa si parla basta leggere i primi appuntamenti in calendario: «Spazio aggregazione», tutti i mercoledì, ore 16-18, 6/11 anni; «The, chiacchiere e sartoria», tutti i mercoledì, 9.30-11.30, per tutte e tutti; «Coderdojo, palestra di programmazione», sabato 24 febbraio, 14.30-16.30, 7/15 anni; «Laboratorio falegnameria» tutti i martedì 16-17.30, per tutte e tutti; «Abito, risparmio su misura», lunedì 12 e 26 febbraio, 16-19, per tutte e tutti; «Lettura animata Aladino e la lampada magica», venerdì 16 febbraio ore 16, 3/10 anni.
L’idea di fondo di «Luogo comune» è semplice: aprire uno spazio che possa essere di riferimento per i residenti del quartiere e per il contesto cittadino.  E gli abitanti lo hanno capito, accorsi numerosi all’inaugurazione sabato assieme all’assessore Alessio Zanoni e ai referenti delle cooperative e delle istituzioni. «L’obiettivo - spiega Claudia Ferrari di Arcobaleno, cooperativa capofila - è quello di promuovere la socializzazione creando uno spazio aperto e accogliente che possa essere un’occasione di conoscenza reciproca. Tramite attività di laboratorio, eventi culturali, ricreativi e momenti di incontro ci si propone di favorire la relazione attraverso il fare assieme, valorizzando le competenze di ognuno, preziosa risorsa anche per la comunità. Uno spazio pensato da tutte e tutti e aperto a tutte e tutti, dove condividere le proprie passioni, incontrare i vicini di casa, imparare cose nuove, bere il the, sentirsi meno soli. Un “luogo quotidiano”, accogliente, “comune”». 

«Luogo comune» è già aperto e ospita alcune attività rivolte alle famiglie, ai bambini, ai giovani, agli uomini e alle donne. «Aspettiamo - continua Ferrari - chiunque abbia voglia di condividere la propria idea, di stare insieme, di vivere la comunità. Tutti i cittadini e le cittadine, non solo i residenti, possono partecipare alle iniziative e proporne altre».  

Ci sono numerose attività in fase di lancio: cinema all’aperto, riparazioni biciclette, gruppo della camminata, il coro di quartiere, aggiungi un posto a tavola, servizio di accudimento di bambini, attività informatica, diario di quartiere e altro.
Il progetto viene finanziato per il 47% da Caritro insieme alla Provincia e al Consiglio delle autonomie e per il 53% sul territorio e nelle azioni del volontariato. Capofila è Arcobaleno assieme a Comune di Riva del Garda, Comunità Alto Garda e Ledro, alle cooperative Ephedra ed Eliodoro, Carpe Diem, Cbs srl, Gruppo Dialogo – Missionari Verbiti, Vivirione, Pro-Loco Rione Degasperi, Apsp Città Di Riva e Casa Mia, istituto Giacomo Floriani, collettivo Pick Me Up e il Comune di Lavis e la Comunità di Valle Rotaliana-Königsberg.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy