Salta al contenuto principale

A Pellizzano festeggiati i 40 anni

di attività del Gs Monte Giner

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 23 secondi
Una grande festa per un grande gruppo sportivo che in quarant’anni di attività ha saputo avvicinare e appassionare tanti bambini e giovani della Val di Sole allo sport, riuscendo anche a «sfornare» diversi campioni. 
Il compleanno del Gruppo sportivo Monte Giner, guidato dall’inossidabile Massimino Bezzi, è stato festeggiato sabato 22 dicembre a Pellizzano, nella sala comunale, insieme ai tanti ragazzi e atleti tesserati con l’associazione. Una storia quella del Monte Giner che si affianca a una tradizione - quella del salto con gli sci a Pellizzano - lunga ormai settant’anni. Un percorso del quale il presidente Bezzi, nel suo discorso, ha toccato le tappe salienti prendendo le mosse proprio dalla disciplina che si pratica a Pellizzano. «La storia ci dice che già nel 1948 a Pellizzano si era costruito un trampolino di 50 metri con l’intervento manuale del volontariato, spinto dalla vicina Ponte di Legno già affermata stazione turistica - ha spiegato Bezzi -. Il paese organizza la sua prima manifestazione sul trampolino nel 1948 con la vittoria di Igino Rizzi che poi avrebbe dato la sua collaborazione nell’insegnamento ai giovani nel Centro di Pellizzano».
Il 3 dicembre 1949 nasceva quindi lo Sci Pellizzano, che esauriva le proprie energie nel 1977. Anno in cui, invece, a Ossana nasceva lo Sci Club Monte Giner, che l’anno seguente, dava vita, fondendosi con il gruppo aziendale della Caleppiovinil spa, al G.S. Caleppiovinil Monte Giner. «Dopo un periodo di assestamento e di attività sociale con varie iniziative quali le gare sociali, le gare regionali di sci nordico, corsi di inglese, gite sociali, si è puntato alla promozione dell’attività giovanile inizialmente con mezzi di fortuna e il volontariato» ha ricordato Bezzi. 
Nel 2007, con il termine della sponsorizzazione da parte della Caleppiovinil spa, il gruppo ritorna alle origini con il nome di Gruppo Sportivo Monte Giner Val di Sole. Il presidente nel suo discorso poi ha ricordato i tanti volontari che hanno collaborato con il gruppo, tra cui anche Vladimir Pacl che in Val di Sole ha elaborato le prime cartine di orientamento e portato le prime gare di orienteering, i tanti atleti che si sono fatti onore sui campi di gara delle varie discipline, come Davide Bresadola e Giuseppe Michielli, che nel 2006 hanno preso parte ai Giochi Olimpioci di Torino. 
A festeggiare la storia dello sport in Val di Sole, c’erano, oltre ai rappresentanti delle amministrazioni comunali di Ossane e Pellizzano, anche il vice presidente della Regione Ugo Rossi, Berta Fontana e Giorgio Torgler per il Coni di Trento, il presidente della Fisi Trentino Tiziano Mellarini, il presidente della Cassa Rurale Val di Sole Claudio Valorz e Michele Bontempelli per il Bim dell’Adige. In occasione della festa, infine, Berta Fontana e il vicpresidente Rossi hanno premiato Angelo Tomaselli, ex atleta azzurro e tecnico al Centro Salto a Pellizano, con Stella di bronzo al merito sportivo del Coni (foto).

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy