Salta al contenuto principale

Torbole, tre settimane di attesa

poi finalmente la «Sbigolada»

Ieri alla Pavese distribuite 4000 porzioni di bigoi con i filetti di sardelle marinati: rispettata la tradizione, dopo due rinvii per il maltempo

Chiudi

I volontari al lavoro per la «Sbigolada» di Torbole, edizione 2016

Fonte:

Stefano Salvi

Apri

Stefano Salvi

Chiudi

I volontari al lavoro per la «Sbigolada» di Torbole, edizione 2016: qui un sorridente Giovanni Civettini

Fonte:

Stefano Salvi

Apri

Stefano Salvi

Chiudi

I volontari al lavoro per la «Sbigolada» di Torbole, edizione 2016

Fonte:

Stefano Salvi

Apri

Stefano Salvi

Chiudi

I volontari al lavoro per la «Sbigolada» di Torbole, edizione 2016

Fonte:

Stefano Salvi

Apri

Stefano Salvi

Chiudi

La «Sbigolada» di Torbole, edizione 2016

Fonte:

Stefano Salvi

Apri

Stefano Salvi

Chiudi

La «Sbigolada» di Torbole, edizione 2016

Fonte:

Stefano Salvi

Apri

Stefano Salvi

Tempo di lettura: 
1 minuto 38 secondi

Di pazienza ne hanno avuta molta quest’anno. Sia i «ragazzi» del «Comitato Sbigolada», che i molti appassionati che hanno atteso per ben tre domeniche che il cielo si aprisse e nelle padelle finissero i bigoi tanto desiderati.

La «Sbigolada» di Torbole è uno degli eventi del carnevale altogardesano. Quest’anno doveva andare in scena il 7 febbraio, precedendo di una settimana sia la «Festa di addio al carnevale» di Varignano che «Polenta e mortadella» a Varone. Invece due domeniche di pioggia consecutive - mai viste in questo strano inverno sul lago - hanno costretto i volontari a rimandare tutto per due volte, cogliendo però nella bella giornata di sole di ieri le condizioni ideali per fare il pieno.

E così è stato. Dalle 12.30 alle 17.15, cioè da quando è stata buttata la prima scatola di pasta a quando è stato distribuito l’ultimo piatto di «bigoi», i volontari torbolani hanno preparato ben 400 chilogrammi di pasta e filetti di sardelle marinati, seguendo una ricetta antica e ormai collaudata che coglie sempre nel segno. Non a caso anche ieri pomeriggio, nonostante la ressa e l’inevitabile attesa, davvero in pochi se ne sono andati prima di assaggiare i «bigoi» e magari fare anche il bis (e qualcuno il tris).

Una giusta soddisfazione per i volontari del Comitato che si sono tenuti a disposizione per tre domeniche di fila (con inevitabili effetti anche sulle dinamiche familiari e in alcuni casi lavorative). Una ventina quelli che ieri hanno lavorato dal mattino fino al tardo pomeriggio prima per preparare, poi per cucina e distribuire, infine per rimettere tutto a posto e non lasciare nemmeno un rifiuto nel Parco Pavese, ideale location per iniziative come questa alle quali sempre partecipano tante famiglie con bimbi piccoli. Almeno 4 mila le porzioni distribuite, e tra queste qualcuna è andata anche al sindaco Gianni Morandi, al vicesindaco Luigi Masato e all’assessore Fabio Malagoli, che non hanno fatto mancare il loro sostegno agli organizzatori, così come ha fatto don Cristian, parroco di Torbole.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy