Salta al contenuto principale

L'audio: «C'è dj da violentare»

Lei: «Sono sconvolta, è folle»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 49 secondi

"Sono sconvolta, non ci credo che possa avere detto quelle cose di me". Ad affermarlo, dalle pagine del Corriere dell'Alto Adige è la dj a cui farebbe riferimento un audio pronunciato da un consigliere della Lega Kevin Masocco, che sarebbe stato inviato a un amico via whatsapp: "Vieni in discoteca c'è una dj da violentare". Quella sera la dj, che vive in Ucraina, aveva lavorato nella discoteca Juwel di Appaino, in Alto Adige. Masocco da parte sua nega di avere pronunciato quelle parole. 

"Questo è semplicemente folle - prosegue la donna -. Quella sera non mi è successo nulla, ma bisogna essere proprio malati per mandare in giro certi messaggi. Io ho altro da fare, ma spero che abbia ciò che si merita". 

Non sono in corso indagini da parte della Procura, ma dal versante politico il commissario della Lega altoatesino Massimo Bessone dice: "Voglio capire cos'è successo, mi consulterò anche con Milano e se è stato veramente lui a pronunciare quelle parole, dovranno essere presi provvedimenti".

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy