Salta al contenuto principale

La Sportiva Epic Tour:

la gara è targata Boscacci

gran spettacolo con gli skialper

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 54 secondi

Il campione del mondo di scialpinismo Michele Boscacci – dopo aver conquistato ogni tappa della scorsa edizione de «La Sportiva Epic Ski Tour» – riparte da dove aveva lasciato, imponendosi nella prima sfida della «spedizione» che vede gli atleti cimentarsi tra l’Alpe Cermis della trentina Val di Fiemme, e Bellamonte nel Parco Naturale di Paneveggio che invece impegnerà i partecipanti nella giornata di oggi, con i distacchi odierni a determinare le partenze (start alle ore 9).

Circa 10 nazioni complessive, con anche un discreto numero di appassionati «4All», coloro i quali hanno sfidato il Cermis accompagnati da una guida alpina e con minor dislivello. ll valtellinese Boscacci si è imposto sul trentino che giocava in casa Davide Magnini e sull’altoatesino Philip Götsch, terzo. Tra le donne non si è invece riconfermata (per ora) la svizzera Victoria Kreuzer, sopraffatta dalla francese campionessa europea in carica Axelle Gachet-Mollaret. Terza posizione per la veneta Alba De Silvestro.

Una sorta di «piccolo mondiale» – come l’ha definito Magnini – visti i partecipanti illustri che si suddivideranno il montepremi di 18.000 euro. Boscacci, oltre ad esserne testimonial, è ormai il re de «La Sportiva Epic Ski Tour»: «Gara tutta di testa, bisognava tener duro perché la partenza qui la patisco sempre. Sono passato in testa nel tratto più tecnico nel bosco dopo essere stato sulle code di Philip, per poi fare il cambio d’assetto in cima e giungere in fondo senza commettere errori, tagliando il traguardo con qualche secondo di vantaggio su Davide».

E sabato? «La mia posizione sarà la più svantaggiosa perché farò da punto di riferimento, cercherò di tenere un ritmo intelligente e come sempre sarà la gara a decidere il vincitore di questo Epic Ski Tour. Certamente una battaglia da seguire».

Victoria Kreuzer quest’anno avrà un bel da fare nel riconfermarsi campionessa: «Mi sentivo un po’ stanca all’inizio ma poi ho recuperato, ho battagliato in cima con Axelle ma mi ha battuto sulla discesa, dove ho sempre problemi. Non vedo l’ora di competere domani, speriamo vada come la scorsa edizione». Soddisfatta la francese Gachet-Mollaret. A colorare un po’ d’azzurro il podio femminile franco-svizzero ci ha pensato la veneta Alba De Silvestro, compagna di Boscacci nello sport come nella vita.

Oggi l’inedita competizione di Bellamonte a chiudere i conti e ad eleggere i protagonisti.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy