Salta al contenuto principale

Mvt - Il campione trentino di tutti i tempi
Quarto di finale Merli vs Dallavalle
Votate il vostro atleta del cuore

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 13 secondi

La sfida del sondaggio per incoronare il campione trentino di tutti i tempi prosegue oggi con il duello ai quarti tra il pilota pluridecorato di automobilismo Christian Merli e l'asso della mountain bike e dell'orientamento Luca Dallavalle.

Per votare fate la vostra scelta e clicca su "invia".

 Christian Merli, pilota fiavetano delle corse di velocità in montagna sulla potente Osella, è stato il “giustiziere”, nel nostro concorso sul campione trentino di ogni tempo, dettato dai voti degli appassionati e dei lettori sul nostro sito www.ladige.it, di personaggi importanti del calibro dell’astista gardesano Renato Dionisi, battuto per un voto, e del presidente della pallavolo provinciale Max Dalfovo, superato per 3 punti. Un Dalfovo che arrivava dalla clamorosa eliminazione di Francesco Moser, da tutti dato come il favorito alla stregua di “Mister Secolo” Lollo Bernardi.

Il suo avversario di oggi, nel penultimo quarto di finale nella parte destra del tabellone, verso la semifinale (oggi si chiuderà il cerchio dei primi quattro con la sfida tra Mariano Scartezzini, il siepista, contro l’indimenticabile rallista Attilio Bettega), è un’autentica sorpresa, l’orientista su mountain bike e di corsa, il solandro Luca Dallavalle iridato sulle due ruote. Il possente atleta di una valle che si dedica da tempo alle due ruote e anche ad altre discipline similari (nel 2021 ci saranno i Mondiali di mtb cross country, downhill e 4cross sul percorso di Daolasa di Commezzadura al suo terzo iride), si è fatto largo con l’appoggio di tanti estimatori e scontrandosi negli ottavi con il calciatore arcense Pierpaolo Bresciani, gloria degli anni Novanta nel Foggia di mister Zeman e poi nel Bologna di mister Ulivieri assieme a Roby Baggio.

Merli è un driver tenace e coraggioso, che nel 2018 si è incoronato sul trono del campionato europeo e così anche nel 2019, mentre sempre due anni fa ha finalmente conquistato la soddisfazione di imporsi nella classica Trento - Bondone battendo il suo rivale di sempre, Faggioli. Partito dalla gavetta il fiavetano ha conquistato palcoscenici di tutto rispetto, inserendosi nel mondo internazionale della sua disciplina e dei motori. Domenica scorsa ha conquistato il primo titolo del dopo Covid nella cronoscalata della Croazia al volante della Osella FA 30 Zytek LRM, sui tornanti tra Zara e Spalato, superando proprio Faggioli.

Nel 2018, l’anno perfetto, Merli è stato anche Campione italiano assoluto, trionfatore al Fia Hill Climb Master a Gubbio. Ben undici record sui vari tracciati in 21 gare e 14 vittorie. Ora la Trento - Bondone, che si doveva tenere il 12 luglio, è stata annullata dal Commissario del Governo di Trento, quindi Merli, che è sempre stato un fan di Ayrton Senna, è pronto per altri cimenti dove sia possibile gareggiare in sicurezza.

Dallavalle, campione di orienteering, è stato due volte sul tetto del mondo nella disciplina su mtb, negli sprint iridati del 2015 a Liberec e a Vilnius nel 2017. Proprio in Lettonia Dallavalle è stato argento nella mass start e bronzo nella prova long in Lituania, dove aveva dimostrato di essere proprio in forma. Il suo atleta preferito è il campione norvegese di fondo Petter Northug perché il solandro ha tanta volontà nel mettere in azione il suo “motore” fisico e ha sempre dimostrato di essere motivato in tutte le espressioni della sua disciplina di carta e bussola, a piedi o in mountain bike. Il solandro è anche innamorato delle prestazioni con lo sci alpino e con lo sci estremo. Tra Merli e Dallavalle sarà sicuramente un confronto sul filo dei voti come è stato dimostrato finora nel loro cammino verso questa semifinale, dove c’è la possibilità che si sfidino due piloti, se Bettega la spunterà su Scartezzini. Anche il campione scompraso è stato un punto di riferimento per Merli, al quale il rally piace molto.


Nella sfida che si è chiusa questa mattina, Francesca Dallapè ha superato Maurizio Fondriest con 685 voti contro 479, sconfiggendo il campione del ciclismo, la plurimedagliata tuffatrice si qualifica così per la semifinale dove troverà lo scialpinista Davide Magnini.

Tabellone parte sinistra

Tabellone parte destra

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy