Salta al contenuto principale

Nuovi concorsi per i docenti: li farà la Provincia, ma con le regole di tutto il resto d'Italia

Chiudi
Apri

PATN

Tempo di lettura: 
0 minuti 59 secondi

I prossimi concorsi a cattedre che saranno banditi a livello nazionale e provinciale e altri aspetti rilevanti per la scuola trentina - come la valorizzazione del merito, il recupero delle carenze formative e il futuro corpo ispettivo scolastico - sono stati i temi al centro di un incontro questo pomeriggio, a Roma, fra l’assessore provinciale Mirko Bisesti e la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina.

Bisesti ha fatto presente che la Provincia autonoma di Trento, «nel rispetto della sua autonomia organizzativa nel settore dell’istruzione», indirà i bandi di concorso per docenti della scuola a carattere statale di I e II grado in contemporanea con le analoghe procedure selettive gestite da viale Trastevere.

«Trattandosi di concorsi abilitanti, è necessaria l’autorizzazione ministeriale per l’utilizzo delle piattaforme informatiche per i concorsi straordinari individuate dallo stesso Miur, così da garantire uniformità di trattamento nella procedura, con omogeneità delle prove di esame e contestualità di svolgimento», ha sottolineato l’assessore.

«La ministra - aggiunge Bisesti - ha dato piena disponibilità, attraverso gli uffici del dicastero, a supportare le nostre necessità e ha ascoltato con attenzione le nostre proposte per le nuove progressioni di carriera e il recupero dei debiti formativi degli studenti».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy