Salta al contenuto principale

«Zampa Amica»: quando

gli animali diventano terapia

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 26 secondi

La tenuta è quasi incantata, sospesa nel tempo, sospesa tra la fine di Vigolo e il bosco dell'Altopiano della Vigolana. Ed è quando il cancello si apre lentamente che quell'incanto prende vita: 10 cani, 4 cavalli American Miniature Horse di cui due stalloni e due giumente, un gatto di razza Ragdoll e vari conigli di razza Ariete nano. Sono questi gli animali dell'Azienda Agricola «Zampa Amica», associazione fondata nel 2010 da Katia Bertoldi «allo scopo di elevare il benessere della persona attraverso la valorizzazione fra uomo e animale». In poche parole «pet therapy», anche se il termine giusto, come precisa Katia, è «Interventi Assistiti dagli Animali» (IAA), ovvero incontri «dolci e non invasivi rivolti a molteplici tipologie di utenti e pazienti» grazie ai quali ritrovare benessere psicofisico e serenità. 

Tutto ha avuto inizio nove anni fa, quando Katia, dopo diversi corsi di formazione e su stimolo del marito Paolo Zanlucchi, ha deciso di intraprendere questo cammino del benessere tutto a quattro zampe, che l'ha portata a operare all'interno di case di riposo, scuole, ospedali e hospice, solo per citarne alcuni. «Mio marito mi disse: «Buttati, mettiti in proprio!» - ricorda accarezzando Carol, la prima cagnolina addestrata alla «pet therapy» - ed è così che è cominciata questa avventura».
Da lì alla Shih-Tzu Carol si è aggiunta Zaira, un'allegra labrador nera, «perché mano a mano che aumentavano i nostri interventi in ambiti di disabilità importanti, aumentavano anche i cani», e al sogno di Katia, quali collaboratori qualificati, si sono uniti anche il marito Paolo e la figlia Benedetta, che oggi studia Veterinaria a Milano e per il futuro ha le idee molto chiare: «Vorrei continuare e ingrandire l'azienda». Azienda che oggi, dalla sua nuova sede in via della Fricca, nel Comune di Altopiano della Vigolana, ha ricevuto forse il riconoscimento più ambito, dopo anni e anni di sacrifici. «Il 20 dicembre scorso - spiegano i coniugi Zanlucchi visibilmente emozionati - Zampa Amica ha ottenuto il nulla osta da parte del Dipartimento salute e solidarietà della Provincia Autonoma di Trento quale struttura abilitata per l'erogazione di Terapia assistita con gli animali e Educazione assistita con animali residenziali delle specie cane, gatto, cavallo e coniglio». Un traguardo importante dunque, che consacra Zampa Amica ad uno dei primi centri in Trentino abilitato per gli interventi e l'educazione assistita, riconosciuto anche a livello nazionale direttamente dal Ministero. «Dopo anni di lavoro e di impegno - racconta Paolo - la soddisfazione è grande. É un riconoscimento alla nostra serietà, alla continuità e alla qualità crescente dei nostri interventi. Questo però è un punto di partenza: il sogno per il futuro è quello di costruire un campo coperto per lavorare con i cavalli, perché in fondo bisogna custodire sempre qualcosa che ci faccia sognare». 

É grande l'emozione che trapela anche dalle parole di Katia, mentre accarezza con cura Lady in Red, una delle giumente. E la memoria corre veloce ad uno dei primi interventi di «pet therapy» in ospedale, nel 2014: «Ho seguito per 6 mesi una bambina, fino al momento in cui si è spenta. Un'esperienza devastante, ma lì mi sono ricordata la motivazione per cui tutto era nato: regalare momenti unici con gli animali. Sono momenti che possono diventare veramente significativi, più di quanto possiamo immaginare, in cui mi calo con tutta me stessa, cercando sempre di entrare in empatia con il paziente». A quella bambina si sono aggiunte centinaia e centinaia di vite, di storie, di sorrisi. Persone che negli animali hanno trovato uno stimolo per andare avanti, e persone che purtroppo non ce l'hanno fatta. Pazienti che ogni settimana ricevono la visita di un amico a quattro zampe all'interno dei reparti di oncologia, protonterapia, pediatria; piuttosto che anziani in casa di riposo, ragazzi affetti da sindrome di down o da autismo, bambini in attesa di adozione. Così come i tanti utenti che fanno visita direttamente alle stalle nella tenuta di Zampa Amica. 

Per tutti loro però una cosa è certa: ci sarà sempre una carezza su un manto morbido da dare, due occhi limpidi in cui abbandonare ogni tristezza, e quel contatto disarmante che non ha bisogno di parole. Carol, Zaira, Bluebelle, Elettra, Hanne, Aramis, Margot, Spirit e tutti i loro amici a quattro zampe non aspettano altro.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy