Salta al contenuto principale

Incassa per quasi due anni

pensione della suocera morta

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 48 secondi

Ha incassato per 22 mesi la pensione della suocera morta, poi l’Inps ha effettuato la segnalazione e l’uomo è finito sotto inchiesta per indebita percezione di erogazioni da parte dello Stato.

La pensionata in questione era morta l’11 luglio 2014, ma i mille euro della pensione, più l’accompagnatoria hanno continuato a finire nelle tasche del genero, un uomo di 54 anni, originario di Castello Tesino, in Trentino, che viveva nel padovano e aveva il conto cointestato con la suocera.

Di fronte alla richiesta di rinvio a giudizio ora il difensore dell’uomo, che era finito sul lastrico a causa del periodo di crisi che aveva mandato all’aria la sua falegnameria, ha proposto un percorso di riparazione sociale e una rateizzazione per ripagare il debito con lo Stato.

Tanto più che il Comune non avrebbe segnalato all’Inps il decesso e che il genero e la figlia dell’anziana l’avevano accudita fino all’ultimo, per poi trasferirsi a Castello Tesino, finiti sul lastrico.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy