Salta al contenuto principale

Morto in un dirupo tra Aldeno e Pomarolo

Renzo Gottardi trovato questa mattina

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 30 secondi

L'allarme è stato lanciato dalla famiglia ieri sera intorno alle 20: preoccupati nel non vedere tornare a casa Renzo Gottardi, dirigente comunale in pensione, 65 anni di Meano, hanno chiamato carabinieri e vigili del fuoco, che a loro volta hanno allertato il soccorso alpino dando il via a una vasta operazione di ricerca. Operazione che, ieri sera tardi, non aveva dato alcun esito ed è quindi continuata per tutta la notte. 

Questa mattina è stato trovato morto, in fondo a un dirupo. Il corpo è stato rinvenuto in località Brenzi, in una zona impervia nel comune di Cimone, tra Aldeno e Pomarolo.

Gottardi, appassionato di montagna, era uscito di casa in tenuta da trekking per fare un'escursione. Poi la caduta, forse provocata da un malore.

Gottardi aveva lasciato la propria automobile in località Pianezze, poco distante da Aldeno, per poi iniziare la propria escursione a piedi. Obiettivo della gita la zona di Dosso Pagano, a quota 1.300 metri, raggiungibile dopo una passeggiata non eccessivamente pericolosa e impegnativa, passando per i boschi nei dintorni di Garniga e dalla zona di malga Cimana. 

Come detto, non avendo notizie, verso sera la famiglia ha allertato i soccorritori, che hanno immediatamente iniziato le operazioni di ricerca. Una quarantina di uomini del soccorso alpino hanno iniziato a percorrere i sentieri della zona cercando tracce della persona dispersa. Sono stati chiamati e coinvolti anche tre corpi dei vigili del fuoco volontari, ovvero quelli di Aldeno, Cimone e Pomarolo. 

In serata sono stati coinvolti anche i cani molecolari della Scuola provinciale cani da ricerca e catastrofe: si tratta di segugi dal grande potere olfattivo, in grado di seguire una pista umana anche dopo diverso tempo dal passaggio del soggetto in un luogo. Il loro naso è in grado di percepire e distinguere anche le più piccole particelle di odore e a mantenere in memoria le tracce individuate, grazie a un addestramento speciale. Così anche i cani molecolari, dopo aver annusato alcuni abiti di Renzo Gottardi, hanno preso parte alla missione. 

Questa mattina verso l'1.30 il ritrovamento. Pare sia ruzzolato su un terreno sassoso.


La Sat «apprende con grande dolore la scomparsa di Renzo Gottardi e si stringe attorno ai familiari ed agli amici nel cordoglio per questa perdita improvvisa».

«Un uomo capace e disponibile - dichiara il presidente Saat Claudio Bassetti - un caro amico per tutti coloro che hanno intrapreso le escursioni che lui organizzava da capo gita. Una persona che ha lavorato molto in Sat offrendo un contributo di professionalità e impegno. Renzo Gottardi è caduto proprio sui sentieri che non soltanto amava, ma che aveva contribuito a segnalare e mantenere. Egli infatti ha fatto parte per anni del
GIS (Gruppo Intervento Sentieri) della Sat, quei mille volontari che donano il loro tempo libero e il loro lavoro a servizio della sentieristica, che è un patrimonio di tutti».

Ha fatto parte della sezione Sat di Trento e poi di Cognola e per oltre 10 anni della Commissione Sentieri, soltanto ultimamente aveva un pò diradato la sua partecipazione in quanto era diventato nonno».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy