Salta al contenuto principale

La festa Sat sul Chegul è ecosostenibile

sconto a chi porta i piatti da casa

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 56 secondi

Torna, puntuale e attesa, domenica 14 giugno, la classica «Festa en Chegul» organizzata dalla Sezione Sat. Non si contano gli anni di questo raduno che vede non solo i poèri vecchi e nuovi, ma tanti altri satini e cittadini ritrovarsi allo «Spiaz grand» degli «stoi» per un momento di ritrovo. Iniziata in sordina e con attrezzature a dir poco arcaiche, con le fiancate dei trattori trasformati in panche e una lastra di porfido per braciole e «pasta di luganega», via via negli anni la festa si è affinata e organizzata. Ora comode panche e tavoli, gazebo per ripararsi dalla pioggia, posate biodegradabili e sconti per chi si porta il piatto da casa, mini pasti per i più piccoli e anche offerta vegetariana.

Nel corso degli anni la Sat locale ha cercato di offrire, oltre ad un’occasione di svago, anche qualche stimolo culturale: ricordiamo così la «passeggiata botanica» con Erica Bonvecchio e i «percorsi della Grande Guerra» con Marco Gramola e Volker Jeschkeit, oppure le proposte delle Guide Alpine locali con ponti tibetani, la discesa alla «Busa del Vent» organizzate dai fratelli Faletti e dall’indimenticato Mauro Giovannazzi.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy