Salta al contenuto principale

Sei pensionati al giorno con quota 100

Nel 2019, 2.100 domande accolte

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 15 secondi

Circa 6 pensionati al giorno con quota 100: sono questi i ritmi con cui i lavoratori della regione con i requisiti per uscire (38 anni di contributi e 62 anni di età) sono usciti dal mondo del lavoro nel primo anno di sperimentazione della riforma previdenziale dell'ex governo Lega-M5S. Dall'inizio del 2019 alla fine di dicembre dell'anno scorso, infatti, secondo i dati Inps sono state 2.114 le persone che si sono viste accogliere la domanda di pensionamento.

Si tratta di 564 donne e di 1.550 uomini, un numero triplo dovuto al fatto che i lavoratori maschi delle classi anagrafiche interessate hanno avuto una vita contributiva più regolare e la possibilità quindi di uscire soddisfacendo i requisiti della legge. Un altro motivo va riscontrato nel fatto che le donne, nel 2019 avevano potuto fare accesso a opzione donna (35 anni di contributi e età di 58 anni per dipendenti, 59 per le autonome), misura che con l'ultima legge di bilancio del nuovo governo Conte (il bis sostenuto da 5 Stelle e Pd) è stata prorogata fino alla fine di quest'anno.

Leggendo i dati sulle domande a quota 100 accolte si nota come ad approfittarne siano stati soprattutto i dipendenti privati e i lavoratori autonomi. In particolare, i dipendenti pubblici a uscire dal lavoro grazie a quota 100 sono stati nel 2019 669, pari a circa il 32%, con 282 donne e 387 uomini che sono andati in pensione con 38 anni di contributi e almeno 62 anni di età. I dipendenti privati con 935 domande accolte (188 donne e 747 uomini) rappresentano circa il 45% del totale. I lavoratori autonomi con le restanti 510 domande accolte (94 donne e 416 uomini) rappresentano il restante 24% circa del totale.

A difendere la riforma, che per Banca d'Italia costa troppo e non ha prodotto l'equazione uno a uno tra le uscite per pensionamento e gli ingressi di giovani sul lavoro, a livello provinciale c'è Walter Alotti, segretario provinciale della Uil. «Si tratta di una opzione in più per i lavoratori per uscire senza la rigidità della riforma precedente ed è stata apprezzata dai lavoratori. Credo che nel 2021 sarà già un problema capire se la finanziano, vista la situazione debitoria dello Stato italiano. E dal 2022, senza un intervento, ci sarà lo scalone per cui o i lavoratori riescono ad andare via con quota 100 prima che scada o dovranno aspettare 4 anni in più rispetto a prima. Siamo d'accordo sul fatto di dare maggiori opzioni per le donne e di adottare opzioni diverse e mirate rispetto ai lavoratori precoci e a quelli usuranti, andando a definirli in maniera effettiva. Il traguardo resta quello dei 41 anni di contributi indipendentemente dall'età anagrafica».

Alotti chiede poi alla Provincia di spingere sulle assunzioni: «Nel privato non c'è stata la sostituzione uno a uno tra uscite e entrate sul lavoro, ma nemmeno nel pubblico. Qui ora la Provincia ha la possibilità di fare più assunzioni».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy