Salta al contenuto principale

Da Paganini a Mascagni al Castello

con il mandolino e la chitarra

di  Carlo Aonzo e Lorenzo Bernardi

Tempo di lettura: 
0 minuti 59 secondi

«Armonie del castello» domani, 7 giugno nella Sala Grande del Castello del Buonconsiglio.

Alle 20.45 il famoso mandolinista savonese Carlo Aonzo e il giovane chitarrista trentino Lorenzo Bernardi proporranno musiche di Paganini, Mascagni, Marucelli, Calace, Bortolazzi e Gragnani in una serata ad ingresso libero fino ad esaurimento dei posti. La performance fa parte di un più ampio tour che i due musicisti faranno negli Stati Uniti e in America centrale.

Filo conduttore del programma un viaggio immaginario tra regioni italiane, secoli e stili musicali, omaggio alla grande tradizione musicale colta. Il mandolino in quanto simbolo dell'Italia, ma anche della sua cultura più alta, merita di essere conosciuto soprattutto nel suo ruolo di strumento impegnato, raffinato, virtuoso e accademico, anche attraverso la riscoperta di autori definiti "minori" ma che a ben vedere hanno lasciato pagine di repertorio di assoluto pregio artistico.

Carlo Aonzo ha una consolidata attività concertistica internazionale in tutto il mondo quale principale divulgatore del mandolino classico italiano. Diplomato al Conservatorio, vincitore di vari premi, è titolare di un corso annuale di perfezionamento negli Stati Uniti. Lorenzo Bernardi, nato a Trento nel 1994, diplomato al Conservatorio Bonporti, si è esibito in prestigiosi eventi in Spagna, Argentina, Bahrain, Giappone, Corea, Indonesia, Vietnam e India.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy