Salta al contenuto principale

Gli attori sono quattro cani:

al Festival del Cinema a Berlino

il film con i "nostri" cuccioloni

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 57 secondi

Un pezzettino di Trento sbarca al Festival del Cinema di Berlino. Non si tratta di attori o attrici, impegnati in una parte d’azione o d’amore, ma di quatto magnifici esemplari di pastore tedesco grigio, i cosiddetti Grigioni. Si tratta di Erto, Lucky (detto l’ Eccezionale), Lothar e Thor, che sono stati i protagonisti di alcune tra le scene più impegnative e pericolose del film “Siberia” diretto dal celebre regista Abel Ferrara e candidato all'Orso d’Oro alla settantesima edizione del Festival del Cinema di Berlino.

I cani, due di proprietà di Katja Skapin cinofila trevigiana e due di proprietà di Fausto Zanon noto addestratore trentino, hanno girato, con consumata perizia, alcune scene mozzafiato sotto la neve tra fiamme, scoppi e spari senza mai tradire un attimo di indecisione, provando e girando sotto una abbondante nevicata anche per  undici ore di fila. Alla fine delle riprese è arrivata anche la “promozione” da parte del regista: «Really great dogs», «Veramente dei grandi cani», ha detto con soddisfazione. Le scene cruciali del film sono state girate in regione, precisamente in una caserma dismessa in alta quota, a Naz Sciaves nei pressi di Bressanone.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy