Salta al contenuto principale

«Otium: l’urlo dei giovani»

festa di fine anno al Muse

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 8 secondi

Si intitola «Otium: l’urlo dei giovani» e sarà una festa di fine anno scolastico molto innovativa.

Per sabato 1° giugno, al Muse di Trento, i rappresentanti d’istituto delle scuole superiori di Trento hanno infatti pensato a un evento culturale sul tema della partecipazione studentesca e sugli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 dell’Onu.
L’ideazione e organizzazione della giornata è durata mesi ed è stata realizzata in collaborazione con il Museo delle scienze e il Comune di Trento.

Durante il pomeriggio di sabato 1° giugno, dalle 15 alle 24 il Muse e il parco ospiteranno una serie di laboratori, workshop, giochi, dibattiti, tavole rotonde e stand delle associazioni del territorio, con l’obiettivo di rendere consapevoli i giovani del loro ruolo nella società.

Durante la giornata interverranno diversi relatori per parlare di partecipazione, istruzione, sviluppo sostenibile, social media e Youtube. Durante tutto il pomeriggio saranno attivi stage musicali dove si esibiranno band studentesche e la serata si concluderà con il concerto dei Beavers from Mars, degli Psicologi e di Dutch Nazari, solo dopo un intervento di riflessione scritto dal giovanissimo Riccardo Camarda su input dei giovani curatori trentini.

L’evento è inserito all’interno del Festival dell’economia di Trento che, quest’anno, ha tra le sue tematiche la rappresentanza: tra gli ospiti speciali presenti al museo, l’ex ministro e attuale presidente Asvis Enrico Giovannini, in dialogo con i giovani.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy