Salta al contenuto principale

Pacher lancia l'idrogeno «Sì alla mobilità alternativa»

<br />

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 16 secondi

idrogenoTRENTO - L'idrogeno è nel mirino per il futuro della Provincia autonoma di Trento, così come la mobilità sostenibile: è questo il messaggio lanciato dal presidente Alberto Pacher, ieri, in apertura del convegno scientifico «Idrogeno, tra presente e futuro», organizzato in collaborazione con Trentino Trasporti, Habitech e HyER (Associazione europea dei territori che promuovono la mobilità elettrica e l'utilizzo dell'idrogeno).
Nel giro di qualche anno la valle di Fiemme e il Primiero potrebbero divenire «un'oasi vocata all'idrogeno». Ovvero, come spiega il presidente di Trentino Trasporti Ezio Facchin, il progetto è quello di creare un servizio di trasporti a idrogeno di stampo permanente che serva l'intera zona citata.
Al momento in valle di Fiemme sono in funzione due minibus a idrogeno «made in Trentino» (sono stati realizzati a Villa Agnedo), gli stessi utilizzati in occasione dei mondiali di sci nordico Fiemme 2013: «La loro introduzione - sottolinea Pacher - è legata all'intento di limitare e regolamentare l'eccessiva presenza veicolare sui passi dolomitici: del resto, quale miglior invito a ragionare sulla mobilità sostenibile se non il riconoscimento delle Dolomiti come Patrimonio dell'umanità da parte dell'Unesco?».
Una sottolineatura ripresa nel ragionamento di Facchin: «Proprio a partire dai mezzi già presenti, magari con un'integrazione, vorremmo coprire l'intera valle». I principali problemi sono connessi a produzione ed alimentazione: «Oggi - spiega Facchin - non abbiamo un polo di produzione ma solo il distributore a Panchià. Un'evoluzione come quella ipotizzata richiederebbe un unico punto di produzione ed alimentazione (i veicoli hanno autonomia di 150-200 chilometri), con i costi che ne conseguono (stima: un milione di euro)».
Nel 2017, inoltre, l'asse del Brennero potrebbe essere costellata (circa ogni cento chilometri) da stazioni di produzione e rifornimento per l'idrogeno, in perfetta linea con i tempi entro cui alcune case produttrici di automobili stimano di mettere in produzione autovetture con alimentazione ad idrogeno: a dirlo è il presidente dell'Iit (Istituto per innovazioni tecnologiche) di Bolzano Walter Huber. Ma è lo stesso presidente Pacher a sottolineare l'interesse del Trentino a partecipare a questo tipo di progetto denominato Green Corridor. La cui realizzazione dovrebbe fare riferimento ad un accordo tra Provincia di Trento, Provincia di Bolzano e Tirolo. «Ovviamente i costi di realizzazione non sono indifferenti - aggiunge Huber - e in tal senso si potrebbe pensare di procedere per gradi, realizzando in primis isole di rifornimento e solo in un secondo momento aree di produzione». Sempre a proposito di mobilità sostenibile, il presidente Pacher ricorda la diffusione del bike sharing elettrico, «con l'obiettivo di realizzare, entro il 2014, una colonnina di ricarica ogni 40 chilometri lungo tutti i percorsi trentini». F. Sar.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy