Salta al contenuto principale

Agraria di Riva chiude in bellezza

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 45 secondi
Agraria di Riva del Garda viaggia a gonfie vele: il 2018 si preannuncia ottimo per vino e olio ma anche i bilanci del 2017, portati ieri in assemblea a Palacongressi dal presidente Giorgio Planchenstainer, sono d’oro.
 
I valori della produzione della società cooperativa agricola sono saliti da 10,107 a 11,132 milioni di euro (+9,21%). Un risultato possibile grazie alla crescita dei ricavi da vendita di olio che nel 2017 è stata pari a 1,183 milioni (+26%); dalla vendita di vino all’ingrosso per 1,131 milioni (+14%), dal conferimento vino a cantine per 27 mila euro (+35%) e a Cavit per 4,712 mln (+21%) e dai ricavi della Corte del tipico per 3,255 mln (+5%).
 
In consiglio d’amministrazione confermati Stefano Prandi e Andrea Santoni mentre Fabio Pellegrini è sostituito da Alberto Andreasi. Il colleggio sindacale sarà composto da Augusto Betta, Giacomo Bernardi e Enzo Zampiccoli. Sono 313 i soci della cooperativa; buona parte ieri pomeriggio ha approvato i rendiconti economici chiusi al 20 giugno 2018, rinnovato parte del cda.
 
«L’annata 2017 è stata, per le nostre produzioni di uva e di oliva, dal punto di vista qualitativo e quantitativo - ha esordito il presidente - una delle migliori. Nonostante alcuni nostri vigneti abbiano accusato un forte attacco di peronospora, con forti diminuzioni della produzione, l’incantinato è restato stabile per via dell’aumento della superficie viticola, attraverso l’ingrandimento di alcune aziende e l’introduzione di nuovi soci: dato molto importante questo, che dimostra una crescente fiducia nella nostra cooperativa. Per quanto riguarda le olive è stato l’anno record dal punto di vista della resa in olio (media frantoio 19,97%). Non si ricorda a memoria d’uomo una resa così elevata nell’Alto Garda: questo ha comportato che pur con una produzione inferiore del 30% in termini quantitativi abbiamo prodotto una quantità di olio leggermente superiore all’anno precedente. Prosegue l’attività di sviluppo e ricerca la quale sta già dando dei buoni risultati».
 
La qualità dei vini con il nuovo packaging e gli affermati marchi Uliva 46parallelo per l’olio, «hanno contribuito - ha spiegato Planchenstainer - all’immagine e hanno dato  una forte connotazione di identità territoriale» sottolineando l’apertura di nuovi mercati all’estero ma soprattutto in Italia.
 
I dati più significativi illustrati all’assemblea due dati su tutti: Uva, vendemmia 2016,  conferiti 35.030 quintali; vendemmia 2017, conferiti 35.497 quintali: «l’aumento del 1,33% in termini quantitativi corrisponde a un aumento della remunerazione ai soci del 17.50%. pari a 650.223,00 per un totale di 4.366.945,00». Olio extravergine di oliva: resa media in olio di 13,56% e retribuzione media pari a 13,08 euro, che equivalgono a 175,65 euro a quintale di oliva».  La resa media in olio è stata del 19,97% «e la retribuzione media pari a 13,14 euro, che equivalgono a 270,95 euro al quintale di oliva. Quindi la quantità inferiore di olive è stata compensata in maniera forte dalla resa e dal prezzo al chilogrammo pressochè invariato». I risultati hanno consentito «di distribuire un ottimo liquidato ai soci».
Nella vendemmia 2017 sono stati incantinati 35.493 q.li di uva, attestandosi sugli stessi livelli del 2016. Diversi anche i progetti nel campo delle attività di ricerca e sviluppo in collaborazione con la Fondazione Mach.
 
La Corte del tipico «conferma il proprio obiettivo di contribuire a migliorare la remunerazione dei prodotti agricoli dei soci, sia perché partecipa alla copertura dei costi fissi e generali di gestione, sia perché promuove la vendita diretta al consumatore finale dei nostri vini e dell’olio».
 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy