Salta al contenuto principale

Per il prossimo inverno

attivato lo skibus di Fassa:

costerà 360 mila euro

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 59 secondi

Il Consei del Comun general de fascia ha approvato all’unanimità lunedì sera il piano organico degli interventi di politica linguistica e culturale del 2020. Grande soddisfazione da entrambe le parti politiche per il lavoro fatto dalla consulta ladina e per il piano strategico, che prevede per il prossimo anno un lavoro di ricerca sociolinguistica per verificare la diffusione e l’efficacia delle politiche inclusive portate avanti durante gli anni precedenti, i consueti supporti economici alle attività associative e di comunicazione multimediale in lingua ladina, e le indicazioni strategiche per gli eventi previsti per il prossimo anno.

Sono 323.000 euro i finanziamenti provinciali e dell’ente territoriale per supportare l’attività di radio (Radio Studio Record con 69.000 euro) stampa (il settimanale La Usci di Ladins con 74.000 euro) e la tv (con Pedies, Finalzil e Da Fascia en Curt sul canale dedicato TML e sul web, con 180.000 euro), 144.530 euro i fondi a supporto delle attività culturali, formative e ricreative, tra cui emerge l’ormai apprezzata settimana primaverile del linguaggio Aisciuda Ladina, quest’anno dedicata ai valori della gente di montagna, ai luoghi e toponomastica.
«E’ nostro obiettivo quello di integrare all’interno degli eventi di promozione linguistica, oltre alla settimana della Aisciuda Ladina, alla Festa di Sènt’Ugèna e alla festa del Rengaziament dell’Union di Ladins, anche la sfilata della Gran Festa da D’Istà e il Carnevale tradizionale: due momenti in cui vengono diffuse e promosse le tradizioni ladine dolomitiche e che meritano un supporto economico adeguato» ha ricordato la Procuradora Elena Testor, ricordando il contributo totale a questi eventi di 20.000 euro assieme a quello per le associazioni del territorio che promuovono il ladino nelle attività ordinari e straordinarie di 39.300 euro.

Dopo l’approvazione all’unanimità delle piano di tutela linguistica per il 2020, altro grande tema che ha fatto discutere l’assemblea è stata l’approvazione del fondo destinato al progetto skibus, inizialmente apparso tra le variazioni di bilancio come spesa di 360.000 euro (dato che il Comun General è diventato ente capofila per il servizio, accorpando e gestendo anche le quote provinciali e comunali previste per il trasporto invernale) e tornato poi come voce a sè nell’approvazione del disciplinare con Trentino Trasporti e APT come ente organizzatore.
«Verranno riattivate le tratte degli anni precedenti, con l’aggiunta di una tratta in più che sostituisce il servizio di linea che abbraccia il Buffaure, il Catinaccio e il passo Costalunga» ha riassunto velocemente la Procuradora «da 15 a 18 i bus dedicati al servizio, che andrà dal 5 dicembre al 14 aprile, più un mezzo articolato e 14 minibus». Rimane invariato il costo del servizio rispetto all’anno scorso per l’utente finale, arrivando a raggiungere i 30 euro di abbonamento stagionale con agevolazioni per soci Apt e ospiti delle strutture.
Proprio la gestione delle associazioni ha fatto un po’ storcere il naso sia al consigliere Thomas Amplatz che al componente di minoranza Manuel Farina: «Qualche settimana fa si è tenuto un incontro con i portavoci provinciali e l’Azienda di Promozione Turistica, sulla possibilità di allargare la Trentino Guest Card a tutta la provincia: come influirà questo sulla tassa di soggiorno in Val di Fassa? E’ possibile accorpare il servizio skibus tra i servizi offerti in cambio di questa tessera?» è lo stimolo dato da Farina, a cui Matteo Iori, portavoce del Comun General all’interno del consiglio dell’APT ha replicato: «Difficile da applicarsi in questo momento, poichè la volontà di Apt è quella di rimanere slegati dal rischio di appesantire un contributo pubblico. Altro discorso è invece il rapporto con il trasporto pubblico di Trentino Trasporti, per cui si sta lavorando già positivamente in molte valli vicine».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy