Salta al contenuto principale

Più rosso che rossonero:

il Milan di Elliott

perde 145 milioni in un anno

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 53 secondi

Allarme rosso nello sprofondo rossonero. Il Milan, in una stagione nata storta con l’esonero di Giampaolo dopo appena sette giornate e l’arrivo di Pioli, chiude il primo bilancio dell’era Elliott con il peggior dato della sua storia, una perdita consolidata da -146 milioni di euro che sarà approvata nell’assemblea dei soci prevista per fine mese. Un deficit monstre che il club motiva con gli investimenti fatti in alcuni campi (digitalizzazione e Media House) e sul centro sportivo (Milanello ammodernato) e con l’aver anticipato alcuni costi di spese «improduttive» su questo esercizio per alleggerire i prossimi. Pesano, ovviamente, la campagna acquisti con gli acquisti di Paquetà e Piatek - il saldo complessivo tra entrate e uscite è -103.2 - e la pesante eredità in termini di ammortamenti e ingaggi della ricca estate cinese. L’indice sul patrimonio netto (passato da -36 a +83 in appena 12 mesi con un virtuosismo da 119 milioni) è un segnale sul percorso intrapreso per arrivare al risanamento economico del club.
I dati non possono, però, che inquietare: aumentano le spese (373, +5.1%) ed esplodono i costi del personale (da 150,4 a 184,8), con la dirigenza extra-large e con il boomerang del prestito di Higuain; diminuiscono in generale i ricavi (241.1, -6.1%) e in particolare gli introiti da sponsor (da 44,7 a 38).
D’altronde, avere 7 Champions in bacheca ma navigare da tempo a vista in posizioni poco nobili della Serie A e senza i palcoscenici internazionali non genera certo appeal per chi deve legare il marchio al club. Ma soprattutto è il paragone con le altre big italiane ad essere impietoso: nel 2009 il Milan fatturava 327 milioni (complice la cessione di Kakà), la Juventus 240 (ora 621), l’Inter 232 (ora 415). Dieci anni di mala gestione a cui oggi deve rimediare la proprietà. Elliott ha versato 265 milioni fino al 30 giugno 2019 più altri 60 milioni tra luglio, agosto e settembre. «Il socio di maggioranza - recita infatti la nota presente nel consolidato - ha garantito l’impegno a supportare finanziariamente le società del gruppo Milan per un periodo non inferiore ai 12 mesi dalla data di approvazione del bilancio».E mentre il fondo Elliott continua a non guardarsi intorno per cercare un acquirente, è acclarato che un club completamente risanato e, magari, con un nuovo stadio stadio possa essere più appetibile. E, i tifosi si augurano, più vincente.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy