Salta al contenuto principale

Nel sondaggio Fugatti davanti

ma con Rossi è testa a testa

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 54 secondi

Maurizio Fugatti supera Ugo Rossi di un'incollatura ma rimane ben lontano dalla soglia del 40% necessaria per raggiungere il premio di maggioranza. Al terzo posto si posiziona, a poca distanza, il pentastellato Filippo Degasperi e subito alle sue spalle ottiene buoni consensi anche un «non candidato» alla presidenza della Provincia come Alessandro Olivi. Non sfondano invece quelli che sono indicati oggi come i possibili referenti del mondo dei sindaci civici, Geremia Gios e Francesco Valduga, che non arrivano al 4% di preferenze personali. Meglio di loro si piazzano i leader di altre due liste civiche, entrambi consiglieri provinciali in carica, Claudio Cia, di Agire per il Trentino, che strappa un 5,94%, e Rodolfo Borga, della Civica Trentina, con il 5,83%. 


Sono i risultati di un sondaggio effettuato diverse settimane fa, commissionato da una lista vicina al centrodestra alla società Kbs Italia srl con sedi a Milano e Trento. Una ricerca che, all'indomani delle elezioni politiche del 4 marzo, doveva servire per capire gli orientamenti dell'elettorato e il grado di popolarità dei possibili protagonisti per la contesa della presidenza. I risultati sono interessanti, anche se scontano uno scenario che negli ultimi giorni è rapidamente cambiato, visto ad esempio che in corsa per il centrosinistra autonomista non ci sarà Olivi ma è spuntato invece il nome di Paolo Ghezzi, che potrebbe modificare il quadro.
Il sondaggio è fatto su un campione di 1.500 persone, abbastanza significativo su una popolazione complessiva di oltre 535.000. Il 52% degli intervistati è donna, più o meno la stessa percentuale delle elettrici, e i risultati indicano il gradimento dei singoli candidati in tre diverse fasce d'età e anche suddiviso per comunità di valle. Scopriamo così che Maurizio Fugatti, che ha stracciato la concorrenza alle politiche nel collegio della camera che comprende Valsugana e valli di Fiemme e Fassa, in quelle zone si ferma poco sopra il 21% (a parte i paesi ladini che gli regalano il 31%) mentre è spinto in alto soprattutto dai voti della Val di Sole, dove un terzo degli intervistati ha scelto lui tra gli otto nomi proposti. Poca differenza tra uomini e donne, per il sottosegretario leghista, ma un feeling migliore con l'età di mezzo (36-55) dove prende oltre il 30% mentre i giovani fino ai 35 anni lo snobbano un po' e gli preferiscono il governatore autonomista uscente Ugo Rossi (23,02%) e il pentastellato Filippo Degasperi (22,23%).
Rossi per contro è più debole proprio nella fascia degli elettori di mezza età (18,13%) ma le sorprese anche per lui arrivano dai territori. Prende più del 30% in Val di Fassa e sugli Altipiani Cimbri mentre segna decisamente il passo nella natìa Val di Sole (14,05%), superata in basso solo dalla Vallagarina col 12,34%.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy