Salta al contenuto principale

Barcellona paralizzata:

oltre mezzo milione

in piazza e almeno 89 feriti

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 17 secondi

Oltre mezzo milione di persone scese in piazza ieri, strade bloccate, voli cancellati, il centro di Barcellona completamente paralizzato e ancora disordini, cariche della polizia e arresti: le proteste contro la condanna al carcere per i nove leader separatisti catalani sono arrivate al quinto giorno di fila, con quella che finora è stata la manifestazione più imponente, convocata insieme a uno sciopero generale indetto da alcune sigle sindacali indipendentiste.

La città è stata letteralmente presa ostaggio dalla protesta. Sale a 89 feriti e 31 arresti il bilancio della quinta notte di proteste e scontri a Barcellona, dove la polizia ha anche fatto uso per la prima volta - riferisce la stampa spagnola - di un camion idrante per farsi strada lungo le vie del centro invase di manifestanti e costeggiate di barricate in fiamme.

Dopo la mezzanotte, dopo più di sette ore di combattimenti, le violenze sono diminuite di intensità. Per le vie del centro sono rimasti numerosi agenti e i sassi usati negli scontri.

La polizia ha confermato che due agenti sono rimasti feriti. Una folla di centinaia di migliaia di sostenitori della causa separatista - 525.000 persone secondo la polizia municipale -, è arrivata da tutta la regione e si è riversata nella capitale catalana.

Dopo tre giorni di marcia, sono confluiti nel pomeriggio nel centro cittadino i cinque cortei che erano partiti mercoledì scorso da Girona, Berga, Vic, Tarrega e Tarragona. Una prova di forza che ha fatto esultare il presidente della Generalitat catalana Quim Torra: "La marcia per la libertà ha riempito il Paese! Vinceremo e andremo avanti".

La fiumana di persone ha bloccato le principali vie d'accesso alla città: una ventina le strade off limits, tra le quali la principale arteria transfrontaliera che collega la regione autonoma con la Francia.

Grandi disagi, naturalmente, per i numerosi turisti anche italiani che affollano sempre la città catalana.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy