Salta al contenuto principale

Boris Johnson: Brexit dal 31 ottobre

anche se non ci sarà un accordo

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 44 secondi

"Fuori dall'Ue il 31 ottobre, con o senz'accordo". E' la parola d'ordine con cui Boris Johnson, paladino della Brexit, lancia la sua sfida per il dopo-May alla guida del Partito Conservatore e del governo britannico. Lo scrive il Telegraph, citandone le prime parole dopo l'annuncio di ieri delle dimissioni della premier attuale.

La corsa parte ufficialmente il 7 giugno, ma Boris sembra guadagnare consensi: persino due 'colombe' Tory di spicco come Philip Hammond e Amber Rudd non escludono ora di sostenerlo, stando al Telegraph. 

La Gran Bretagna avrà un nuovo premier entro la data del recesso estivo del Parlamento, fissata secondo il calendario di Westminster per il 24 luglio.

Lo hanno annunciato in una nota il presidente del Partito Conservatore e i vertici del Comitato 1922, organo esecutivo del gruppo parlamentare, fissando i tempi per l'elezione del successore di Theresa May come leader Tory e a seguire come primo ministro. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy