Salta al contenuto principale

Hillary in metropolitana
Cinque tentativi falliti

New York, la candidata democratica «scivola» nel test del trasporto pubblico. L’ex senatrice dello Stato pare avere poca dimestichezza con la subway

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 24 secondi

In campagna elettorale si dicono tutti «vicini al popolo». Poi però - quando non si scoprono depositi di denaro nei paradisi fiscali (è il caso del primo ministro britannico David Cameron) - basta poco per assistere a qualche scivolone. Basta chiedere quanto costa un litro di latte o il biglietto dell’autobus per vedere in che mondo vive qualcuno.

E oltreoceano la prova televisiva «inchioda» l’ex first lady ed ex segretario di Stato Hillary Clinton nel «test» del trasporto pubblico. Aspirante presidente lontano dalla vita di tutti i giorni? Una «accusa» classica in campagna elettorale, in particolare se si tratta di Hillary, che questa volta è inciampata proprio sulla metropolitana di New York, stato dove si gioca parte della sua corsa alla Casa Bianca.

Prova ad entrare nella metropolitana della Grande Mela e ci riesce solo dopo cinque tentativi: ogni volta è stata bloccata al tornello, perché non era capace di utilizzare correttamente la «MetroCard», la tessera che dà accesso alla subway cittadina. Insomma è parso evidente a tutti che non viaggia così spesso sui mezzi pubblici. Eppure dello Stato di New York è stata senatrice per otto anni, forse però - si insinua - troppo lontana dalla stazione del Bronx, dove ha avuto luogo l’episodio puntualmente colto in video, fatto girare, e rimbalzato nei titoli di giornali, Tv e siti.

D’altro canto però il suo rivale Bernie Sanders -lui nativo di Brooklyn- non è da meno: pare infatti che il 74enne senatore del Vermont fosse convinto che per utilizzare la subway a New York si usassero ancora i gettoni, come ha candidamente rivelato in una intervista. E invece la MetroCard è stata introdotta nel 2003, durante il primo mandato da senatrice per Hillary Clinton.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy