Salta al contenuto principale

Cascina esplosa, il proprietario

ha confessato: voleva

intascare l'assicurazione

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 18 secondi

AGGIORNAMENTO: Giovanni Vincenti, il proprietario della cascina di Quargnento nella cui esplosione sono morti tre vigili del fuoco, poteva evitare la tragedia. Lo spiega il procuratore di Alessandria, Enrico Cieri.
«La notte della tragedia Vincenti è stato informato da un carabiniere che il primo incendio era quasi domato - spiega il magistrato -. Vincenti non ha detto che all’interno della casa c’erano altre cinque bombole che continuavano a far fuoriuscire gas. Era intorno all’1, ci sarebbe stata mezz’ora di tempo per evitare la tragedia».

AGGIORNAMENTO: «Il timer era stato settato all’1.30 ma accidentalmente c’era anche un settaggio alla mezzanotte. Questo ha portato alla prima modesta esplosione che, ahimè, ha allertato i vigili del fuoco». Il procuratore di Alessandria, Enrico Cieri, ricostruisce così l’esplosione della cascina di Quargnento in cui sono morti tre vigili del fuoco nella notte tra il 4 e il 5 novembre. L’esplosione doveva essere una sola ma l’errore nella programmazione del timer, collegato alle bombole del gas, ha provocato la tragedia.

AGGIORNAMENTO: La moglie di Giovanni Vincenti, il proprietario della cascina di Quargnento nella cui esplosione sono morti tre vigili del fuoco, è indagata a piede libero nell’inchiesta che ha portato all’arresto del marito.

AGGIORNAMENTO: C’è una tentata frode all’assicurazione dietro la tragedia di Quargnento per la quale i carabinieri hanno fermato la scorsa notte Giovanni Vincenti, il proprietario della cascina esplosa in cui sono morti tre vigili del fuoco. Lo rende noto il procuratore di Alessandria Enrico Cieri nel corso di una conferenza stampa. L’uomo fermato ha confessato, negando però l’intenzione di volere uccidere.

Giovanni Vincenti e la moglie erano «fortemente indebitati». «Lo scorso agosto - rivela il magistrato - l’assicurazione dell’edificio era stata estesa al fatto doloso. Il premio massimale era di un milione e mezzo di euro».


 

C'è un fermo per la morte dei tre vigili del fuoco nell'esplosione di Quargnento. I carabinieri lo hanno eseguito nella notte: si tratta di Giovanni Vincenti, il proprietario della cascina esplosa, entrato nella caserma dei carabinieri come testimone, interrogato per dieci ore prima di essere sottoposto a fermo. E' ritenuto responsabile di disastro doloso, omicidio e lesioni volontarie per l'esplosione che la notte tra il 4 e il 5 novembre ha distrutto un cascinale.

La svolta nelle indagini a poche ore dai funerali solenni di Antonino, Marco e Matteo nella cattedrale dei Santi Pietro e Marco di Alessandria, alla presenza tra gli altri del premier Giuseppe Conte, del presidente della Camera Roberto Fico e del ministro dell'Interno Luciana Lamorgese. "Dovete beccarli, dovete fare di tutto per beccarli", è stato l'appello che i parenti delle tre vittime hanno rivolto nell'occasione al presidente del Consiglio. "Bisogna capire perché e chi ha fatto questo", è l'invito pressante del comandante provinciale dei vigili del fuoco, Roberto Marchioni, nell'esprimere la "rabbia" dei pompieri di fronte a questa tragedia. Le indagini hanno portato in pochi giorni ad un primo risultato grazie alle attività "serrate e articolate" dei carabinieri, agli ordini del colonnello Michele Angelo Lorusso.

L'uomo, che gli inquirenti avevano già ascoltato più di una volta, ha risposto per diverse ore alle nuove domande degli investigatori. "Non ho informazioni da dare, gli inquirenti stanno facendo accertamenti", afferma il figlio di Vincenti, Stefano, contattato al telefono. In caserma anche un avvocato, Laura Mazzolini del foro di Alessandria, e due donne, che arrivano e se ne vanno in auto nell'arco di una ventina di minuti. "Ho assistito all'interrogatorio, non posso dire nulla", si è limitato a dichiarare il legale lasciando gli uffici dell'Arma in piazza Vittorio Veneto poco prima delle 2 del mattino. "Penso che tra poco - ha aggiunto - avrete delle dichiarazioni ufficiali". Poco dopo ha lasciato la caserma anche il procuratore Cieri, limitatosi ad un "no" con la mano rivolto dall'auto ai giornalisti.

Davanti al Comando provinciale anche alcuni cittadini che, saputo dell'interrogatorio, hanno raggiunto gli uffici dell'Arma. La notizia del fermo di polizia giudiziaria arriva alle 2.29 con un comunicato di dieci righe che rimanda alle 9 i dettagli dell'operazione.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy