Salta al contenuto principale

Scissione: Renzi lascia il Pd

«Inizia una strada nuova»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 1 secondo

Matteo Renzi lascia il Pd. Con una accelerazione potente l'ex premier ha deciso di stringere i tempi. E lo ha fatto formalmente attraverso una telefonata serale al premier Giuseppe Conte nella quale gli ha garantito "il pieno sostegno" del gruppo che nascerà nei prossimi giorni.

Poco fa, poi, l'annuncio via Twitter:

 

Mentre il Nazareno resta per ora in strettissimo silenzio (nessun contatto di Renzi ne' con Zingaretti ne' con i vertici della direzione) è Dario Franceschini a manifestare senza peli sulla lingua lo sconcerto Dem per una mossa giudicata rischiosissima. Tanto da evocare i tempi bui del ventennio: "Nel 1921-22 il fascismo cresceva sempre più, utilizzando rabbia e paure. Popolari, socialisti, liberali avevano la maggioranza in Parlamento e fecero nascere i governi Bonomi, poi Facta 1 poi Facta 2. La litigiosità e le divisioni dentro i partiti li resero deboli sino a far trionfare Mussolini nell'ottobre 1922. La storia dovrebbe insegnarci a non ripetere gli errori".

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy