Salta al contenuto principale

Il sindaco di Pisa: Ok al metal detector anti-terrorismo per la Torre

"Lo Stato ha il dovere di fare prevenzione e dare sicurezza ai monumenti"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 45 secondi

«Lo Stato ha il dovere di fare prevenzione e di dare sicurezza ai monumenti simbolo. La Torre pendente e la piazza sono un simbolo della cristianità, un patrimonio dell’umanità e di certo hanno una fortissima visibilità». Lo afferma in una nota il sindaco di Pisa Marco Filippeschi, commentando la decisione della prefettura di istituire controlli con il metal detector agli accessi del celebre monumento, anche in assenza di allarmi specifici.

«La Torre insieme al Colosseo a Roma - sottolinea Filippeschi - è il monumento italiano più conosciuto nel mondo. Dunque massima attenzione e nessuna sottovalutazione. La prevenzione è la priorità. L’accanimento contro il patrimonio storico è tutt’uno con il progetto di dominazione e di morte dell’Isis. Sistemi tecnologici che hanno basso impatto e che non precludono l’accesso dei visitatori aiutano a dare sicurezza».

Secondo Filippeschi tuttavia è necessario anche un impegno per rafforzare sul territorio gli organici delle forze di polizia.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy