Salta al contenuto principale

Sui figli gay o handicappati
ha ragione Divina

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 6 secondi

Sui figli gay o handicappati ha ragione Divina

Ho letto recentemente un’assurda polemica su figli gay o handicappati tra Ghezzi e Divina. Ho letto anche di alcune levate di scudi e lanci di anatemi contro Sergio Divina “reo” di aver detto che non sarebbe stato felice se avesse avuto un figlio handicappato o omosessuale ma lo avrebbe amato lo stesso. Non conosco personalmente né Ghezzi né Divina ai quali riconosco però la libertà di pensiero senza ergermi a censore, soprattutto di una frase che solamente una strumentalizzazione può sottolineare e leggere quale denigratoria e discriminatoria.
Vorrei però analizzare la frase, che direi allo stesso modo. Anch’io non sarei felice di avere un figlio handicappato o omosessuale ma se li avessi li amerei lo stesso (che significa allo stesso modo di altri). Mi meraviglierei invece che uno fosse felice di avere un figlio handicappato e non per egoismo ma per una preoccupazione che mi porterei fino alla tomba, consapevole che alla mancanza dei genitori quel ragazzo, diversamente fortunato, avrebbe serie difficoltà a vivere la propria vita che troverebbe lastricata di difficoltà che i genitori, defunti, non potrebbero più appianare o mitigare.
Stesso ragionamento, sicuramente opinabile, per un figlio omosessuale, senza una parola in più né una parola in meno. Pensare che qualcuno sia felice di vedere un ragazzo handicappato mi è impossibile, sono però pronto, da sempre a dare una mano a chi ha una “fortuna” diversa dalla mia, che personalmente non chiamerei “fortuna”. Da come la penso è evidente che non sono un sepolcro imbiancato e tantomeno ipocrita. Non aggiungerei altro. Solidale con Divina.

Luigi Francesco Traverso - Civezzano


 

Un figlio è un dono: sempre e comunque

Capisco perfettamente cosa vuol dire. Ma devo dirle due cose. La prima è che un figlio è un dono: sempre e comunque. E non va mai aggiunto un “se”, quando si parla di un figlio. Così come non va messo un argine o un confine all’amore fra genitori e figli. La seconda cosa che le dico è che c’è contesto e contesto, per dire determinate cose. E conta anche molto come si dicono, le cose. Più di ogni altra cosa, però, conta ciò che si pensa. E Divina, indubbiamente, avrebbe dovuto e potuto declinare meglio il suo pensiero. Perché - in particolare quando si ha un ruolo pubblico e ci si esprime in un ambito pubblico - non si può non tenere conto di ogni sensibilità e di ogni sfumatura. A prescindere, come dire, dalla trasparenza (talvolta disarmante) del proprio pensiero.

a.faustini@ladige.it

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy