Salta al contenuto principale

Non ce l'ha fatta la 25enne

caduta in pista a Campiglio

Donati gli organi

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 48 secondi

Non ce l’ha fatta Cristina Cesari, la sciatrice di 25 anni, vittima ieri di una  paurosa caduta in pista  a Madonna di Campiglio.

La giovane, residente a Civitanova Marche in provincia di Macerata, è stata trovata riversa lungo la variante Marchi da un gruppo di stranieri. Erano le 12.30 circa. Secondo una prima ricostruzione, la giovane sciatrice ha perso il controllo degli sci e in piena velocità è finita fuori dal tracciato su un tratto ghiacciato.

Tra i primi a giungere sul posto i carabinieri del servizio piste con il comandante della stazione di Campiglio Cristian Leonardi. La giovane, che indossava il caschetto, era in arresto cardiaco. Immediato l’intervento con il defibrillatore.

Nel frattempo la centrale operativa di Trentino Emergenza ha fatto decollare l’elicottero a bordo il medico rianimatore. Le piste sono state chiuse e il velivolo è atterrato poco distante dal punto in cui i soccorritori, impegnati nel massaggio cardiaco, stavano cercando di fare il possibile per salvare la giovane.

Una volta stabilizzata, la paziente è stata trasportata all’ospedale Santa Chiara di Trento e ricoverata in rianimazione.

Purtroppo, questa mattina è stata dichiarata la morte cerebrale e nel primo pomeriggio è stato dichiarato il decesso. 

I parenti della giovane hanno acconsentito alla donazione degli organi.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy